QUAD - Acoustical MFG & Co.

Pagina 1 di 5 1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Paolo51 il Mer Mag 28, 2014 2:49 pm


 
Quando si parla del leggendario marchio QUAD viene immediatamente alla mente il finale a valvole QUAD II. Nell'immaginario collettivo è questo finale monofonico, apparso nella prima metà degli anni Cinquanta, a suscitare ammirazione e fascino!
Prima però del QUAD II, l'Acoustical Manufacturing & Co. (questo è il vero nome della ditta inglese di Huntingdon) aveva già progettato altre elettroniche a tubi degne di nota.
Il primo amplificatore Quad è, infatti, il QA12P del 1948.
Quì sotto una breve presentazione di questo primo finale ad alta fedeltà dell'Acoustical:
 
1948 - Acoustical MFG Co.- QA12 PEsempio di amplificatore “integrato”  ante-litteram” che sarà prodotto fino al 1950/51 quando uscirà sul mercato il capostipite dei leggendari amplificatori Quad, il Q.U.A.D. Model I. L’Acoustical QA12 P, presentato ufficialmente nel gennaio dell’anno 1948 sulle pagine di Wireless-World,  era un coordinato con pre e finale strutturati insieme e valvole KT66 finali di potenza. Produceva (e ancora produce…) 12 watt  musicalissimi e mostrava una risposta in frequenza estesa da 20 hz  a 20.000 hz. L'Acoustical lo fornì anche all’Ente radio-televisivo  B.B.C. Questo sistema pre-finale è il padre dei futuri valvolari QUAD e da esso deriverà quindi il leggendario monofonico QUAD II, progettato per  pilotare i rivoluzionari diffusori elettrostatici QUAD ESL (1957).



Ultima modifica di Paolo51 il Gio Mag 29, 2014 8:55 am, modificato 2 volte
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Perchè QUAD?

Messaggio Da Paolo51 il Mer Mag 28, 2014 3:29 pm


Nel 1951 l'Acoustical presenta il successore del QA12P: il Q.U.A.D. Model 1.
Il finale monofonico impiega un push-pull di tetrodi Marconi-Osram KT66 e due pentodi EF36 Mullard nello stadio d'ingresso e invertitore di fase. Il Q.U.A.D. è il padre dello storico finale QUAD II che gli succederà qualche anno dopo.
In foto, le strarodinarie valvole tetrodo KT66 MARCONI
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Paolo51 il Ven Mag 30, 2014 2:11 pm

QUAD II – un vero cavallo di razza…hi-fi
 
Ed eccoci arrivati al famoso QUAD II, ancora presente nelle sale di molti appassionati sparsi un pò per il mondo ed apprezzato per le sue indubbie ed oggettive qualità di riproduzione
Non nascondo che la mia passione  per  Quad sia stata negli anni molto forte e che il fascino (soprattutto… musicale) di questo marchio inglese mi abbia parecchio condizionato, nel bene s’intende!
Possiedo da decenni sia i QUAD II, sia il pre QUAD 22 e sia le elettrostatiche QUAD ESL57.  Le combinazioni provate ed ascoltate in tanti anni sono state davvero molte, da quelle comprendenti proprio questo trittico a quelle con altri componenti d'epoca.
Avendo a disposizione diverse elettroniche e diversi diffusori d'epoca posso affermare che uno degli interfacciamenti più riusciti sia stato quello che comprende questa configurazione:
 
finali         QUAD II-
pre            MARANTZ  7-
diffusori   TANNOY  LANCASTER  15 " Monitor Gold 

I Quad II sono amplificatori dotati di una precisione e dettaglio notevoli anche se all'ascolto traspare una certa eufonia, una tendenza ad evidenziare sonorità "rotonde" e quasi ovattate che comunque non inficiano tutta la loro bontà musicale. Con il pre dedicato QUAD 22 suonano alla grande a patto che questo sia dotato di valvole di ottima qualità come, per esempio, i pentodi EF86 Mullard e i doppi triodi ECC83 Mullard.
Per ottenere un risultato più trasparente e definito, soprattutto nella regione delle medie-alte frequenze, sono solito collegare ai finali il pre Marantz 7 a tubi. Questo preamplificatore datato 1960, uno fra i migliori pre in assoluto sia per la sua costruzione e sia per il suono elaborato, si interfaccia a meraviglia con i QUAD II, creando un responso sonico dettagliato e molto,molto preciso.
Da notare che i QUAD II sono finali che presentano una sensibilità d'ingresso molto bassa, dell'ordine di 1,4 Volts, e quindi non è proprio facilissimo interfaccialrli con altri preamplificatori, sia vintage che moderni.
 
In quanto ai diffusori Tannoy Lancaster, devo affermare  che siano eccellenti sotto tutti i punti di vista.
Il dettaglio e la precisione di queste casse risultano pregevoli e l'interfacciamento con i Quad II si rivela un connubio ben riuscito.
La trasparenza del coassiale Dual-Concentric Tannoy fa "suonare" i Quad II con estrema limpidezza e chiarezza di suoni!
 
Continua…
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da costino175 il Ven Mag 30, 2014 7:07 pm

Sono certamente d'accordo, i Quad II li ho collegati al mio Audio Note M2 phono Signature con il quale hanno costituito un ottimo abbinamento, ma quello che sorprende è ascoltare ciò che esce dalle AR 3a che sono diffusori abbastanza ostici. Il suono può apparire ovattato ad un ascoltatore superficiale, ascoltando invece con attenzione ci si rende conto che nulla viene nascosto, anzi, si percepiscono tutti i più minuti dettagli, ma in maniera più naturale del solito. Ho ascoltato molti amplificatori con le AR ma dal punto di vista della musicalità pura questa è, a mio avviso, la migliore combinazione

costino175

Messaggi : 179
Data d'iscrizione : 27.05.14
Età : 65
Località : Loano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Paolo51 il Sab Mag 31, 2014 10:42 am





costino175 ha scritto:Sono certamente d'accordo, i Quad II li ho collegati al mio Audio Note M2 phono Signature con il quale hanno costituito un ottimo abbinamento, ma quello che sorprende è ascoltare ciò che esce dalle AR 3a che sono diffusori abbastanza ostici. Il suono può apparire ovattato ad un ascoltatore superficiale, ascoltando invece con attenzione ci si rende conto che nulla viene nascosto, anzi, si percepiscono tutti i più minuti dettagli, ma in maniera più naturale del solito. Ho ascoltato molti amplificatori con le AR ma dal punto di vista della musicalità pura questa è, a mio avviso, la migliore combinazione  

Eccellenti le AR3a ! Questa testimonianza sull'interfacciamento dei QUAD II con i diffusori americani è molto gradita per il fatto che, ancora una volta, si abbatte un luogo comune. Il mondo dell'audio, purtroppo, di queste "leggende metropolitane" ne è pieno e sfatare le tante dicerie non sembra facile.
Concordo pienamente che le AR3a si interfaccino ottimamente con i finali inglesi; io stesso di prove con questi monofonici ne ho compiute diverse collegandoli oltre alle AR3a anche alle ADVENT Louspeaker, le prime del 1976, ed ottenendo sempre eccellenti sonorità.
In foto oltre alla coppia di AR ho inserito il cross-over delle Improved perchè ci si possa rendere conto del suo circuito. Una cosa importante è quella di verificare, se possibile, i condensatori presenti.
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Paolo51 il Mar Giu 03, 2014 4:58 pm



Lo schema elettrico del leggendario QUAD II

Nelle tante e-mail che ricevo sui finali QUAD II, le domande più frequenti sono:
- si possono sostituire le valvole finali di potenza KT66 con altre equivalenti?
- l'impedenza di uscita corretta di questi finali qual'è? Oppure, come faccio a collegare in maniera ottimale le prese dell'altoparlante visto che non ci sono i plugs di cambio-impedenza?

continua...

avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Paolo51 il Mer Giu 04, 2014 7:52 am


 
Lo schema del trasformatore di uscita del QUAD II.
 
In merito alla sostituzione delle valvole finali di potenza con altre equivalenti, si può affermare come essa sia possibile rispettando i parametri elettrici del tetrodo KT66.
Si possono impiegare tubi del tipo 6L6 GC oppure 7581 od ancora 5881. In questi casi non si modifica nulla nel circuito del QUAD II ed il funzionamento è corretto.
Resta comunque da verificare il suono riprodotto da queste valvole nel circuito del QUAD II. Il finale "nasce" con l'impiego dei tubi KT66 ed è stato progettato proprio per il loro utilizzo; se sostituiamo questi tubi allora le sonorità saranno differenti. Potrebbero piacere di più o di meno, ma saranno diverse.
Per quanto riguarda l'impedenza di uscita del finale, occorre ponticellare i morsetti all'interno dell'apparecchio ogni qualvolta impieghiamo diffusori con impedenze a 8 ohm o 15/16 ohm.
Premesso che il QUAD II esprima il meglio con impedenza a 15/16 ohm, l'operazione di collegamento deve avvenire in questo modo:
- uscita 15/16 ohm - collegare i morsetti R - S- uscita 7/8 ohm - collegare i morsetti Q - R e  S - T
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Paolo51 il Gio Giu 12, 2014 4:25 pm

QUAD II -  I punti critici
 
Di letteratura sui QUAD II ne esiste parecchia, tutti oramai possono parlare e disquisire più o meno finemente su questi classici vintage di metà anni cinquanta e molti li hanno ascoltati almeno una volta, molti li hanno nelle proprie sale di ascolto e molti perciò conoscono il loro suono.
 
Ma, a proposito del suono dei  Quad, che cosa ci si deve aspettare?
E, a proposito del restauro di questi finali mono, che cosa occorre fare?
Premetto che il sottoscritto, quando si accinge a "mettere le mani" su qualche componente d'epoca, cerca sempre di eseguire interventi rispettando il più possibile l'originalità dell'apparecchio, senza stravolgere tutto quanto si possa stravolgere!
Originalità appunto vuol dire utilizzare componenti passivi, per esempio, che si avvicinino di molto a quelli impiegati dalla ditta costruttrice oppure impiegare valvole identiche a quelle montate all'epoca.
Una cosa è certa: se vogliamo gustare pienamente il suono dei QUAD II dovremo impiegare per prima cosa tubi elettronici di alta qualità e non "surrogati" moderni, quindi:
 
valvole finali di potenza -  KT66 G.E.C.
valvole ingresso/driver -       EF86 MULLARD/PHILIPS
valvola raddrizzatrice -        GZ32 MULLARD

 
Questo è l'assetto migliore dei QUAD II, quello che li fa suonare veramente bene.

Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Paolo51 il Dom Giu 15, 2014 10:21 am



In riferimento alle due domande poste poco sopra, si può dire che esse siano strettamente legate.
Il suono dei QUAD II è in funzione del suo restauro, restauro che è quasi d'obbligo considerato che questo finale è stato prodotto per tantissimo tempo, qualcosa come vent'anni e cioè dal 1953/1954 fino al 1969/70 circa.
Si parla di quasi 80.000 esemplari venduti e si capisce molto bene che si possano reperire finali Quad II molto datati e Quad II più "recenti",che comunque si devono controllare e, se è il caso, fare interventi mirati sulla componentistica.

I componenti passivi di questo finale sono assai ridotti e la circuitazione, atipica per un finale valvolare di quel periodo, è veramente minimalista così che gli interventi possono essere pochi ma ben calibrati. Basta un niente per far NON SUONARE il finale in modo corretto e simile all'originale!

I punti critici del circuito sono essenzialmente due:

1) i tre condensatori di segnale dello stadio ingresso/driver e di quello driver/finali di potenza KT66.

2) il filtro RC della sezione catodica delle valvole KT66.
Individuati questi punti del circuito, siamo già ad un 50/60 % del lavoro da eseguire perchè sono proprio questi componenti che sono responsabili della sonorità giusta dei QUAD II.

Paolo

continua...

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Paolo51 il Ven Giu 20, 2014 2:51 pm



Questa fantastica immagine ritrae Peter Walker in persona alla consolle mentre aggiusta i comandi di due unità Acoustical QC II.

In alto GARRARD 301 TRANSCRIPTOR, in basso a sinistra i leggendari finali QUAD II.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Paolo51 il Mer Lug 09, 2014 9:13 am


 
I fantastici QUAD II !
 
Sono trascorsi sessant'anni dalla introduzione dei finali QUAD, prima i Q.U.A.D. I, poi i QUAD II.
Ebbene io ascolto ancora oggi questi apparecchi, li ho restaurati per un impiego conservativo (pochissimo restauro, comunque...), li collego a vari miei diffusori, ottengo sempre e sottolineo SEMPRE sonorità straordinarie e pressioni acustiche di gran livello.
WHAT ELSE!
 
 
Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Paolo51 il Mar Lug 15, 2014 3:58 pm


 
QUAD II
 
A sinistra nella foto sotto riportata, il collegamento fra un finale ed il pre QUAD 22 per mezzo dei due spinotti dedicati, uno di rete e l'altro di ingresso e alimentazione.
 

 
Nella fotografia in alto, particolare del circuito che evidenzia i due condensatori originali di segnale, di marca HUNTS, collegati alle griglie controllo dei tetrodi KT66 Marconi-Osram sui QUAD II.
Sono anche loro i "responsabili" del suono magico di questi amplificatori...senza tempo!
 
Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Paolo51 il Sab Ago 23, 2014 3:34 pm


 
QUAD II - Valvole KT66 General Electric Company - G.E.C.
 
Questa coppia di QUAD II è leggermente di colore più scuro rispetto alla coppia inserita nei post precedenti. I finali monofonici impiegano le valvole KT66 G.E.C. bulbo chiaro e non grafitato come le KT66 Marconi/Osram.
La coppia di QUAD II è stata oggetto di una mia revisione per quello che concerne i condensatori di segnale originali di marca HUNTS sostituiti con caps in carta/olio new-old-stock SPRAGUE.
Inoltre, è stata cambiata la resistenza catodica (critica) dei tubi KT66 del valore di 180 Ohm - 3 watts con una nuova resistenza affidabile in ceramica.
Questi interventi sono mirati ad ottenere un funzionamento in tutta sicurezza degli amplificatori, in altre parole per poter effettuare ascolti quotidiani senza stressare i componenti presenti. Con poco tempo di lavoro si può benissimo ripristinare il tutto e tornare all'originalità piena degli apparecchi.
Ripeto ancora una volta: per ottenere il massimo di qualità sonica dai QUAD II, occorre utilizzare le KT66 originali dell'epoca e non altri tipi di tubi equivalenti.
Chi sostiene che vadano bene altre valvole al posto delle KT66 originali Marconi/Osram - G.E.C., sbaglia e molto !
 
Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Paolo51 il Lun Set 08, 2014 9:21 am



A proposito del collegamento dei QUAD II e del pre QUAD 22.

Riporto il testo di una e-mail inviatami qualche tempo fa da un appassionato che possiede i QUAD II  ed il loro pre QUAD 22. Potrebbe essere utile a chiarire le idee:

La grande Guida all’Audio a Valvole !!!??!! Audio Review
Ma quante inesattezze, quanti errori, quanta poca conoscenza e superficialità nel parlare dei vintage hi-fi !

Domanda :
QUAD II - Finali monofonici Vintage

Scusami Pier Paolo ma elettricamente come si collegano i QUAD II ?
Ti chiedo questo perchè su “La grande guida all'audio a valvole” di  Audio Review, che avevo acquistato tempo fa, leggo questo:
Il parere dell'esperto W. Gentilucci, pag.57.
"Ricordate infine che l'alimentazione di rete viene inviata dal pre 22
tramite il cordone solidale con il pre stesso (in realtà viene trasferita la tensione alternata ai finali quando si accende il 22), si può modificare questo tipo di accensione ma non è facile da eseguire, ciò significa che questi finali possono essere collegati solo con il parente stretto 22."

Boh !!! è così ?
Come ovviare?

Io ti ringrazio per quello che mi risponderai, purtroppo letto quell'articolo mi è venuto il dubbio. Siccome umilmente so di non capirci nulla, come sempre ti ho scritto, allora prima di pronunciarmi e per non dire castronerie ho voluto una tua conferma.
In effetti, per quello che anche i miei amici mi avevano sempre detto, è il contrario di quello che l'esperto Gentilucci ha scritto cioè è il Quad 22 che ha bisogno di alimentazione e non il contrario.
Che dire e pensare che passano pure per esperti.
Ciao di nuovo
Silvio  C.

Risposta:

Vedi Silvio quando si scrivono "fesserie" la gente...becca e non capisce più nulla !?

Non ho letto la guida all'audio ma da quello che mi racconti c'è poco da stare allegri.
Allora ricapitoliamo:
il pre QUAD 22: è solo lui che ha bisogno dei finali e non il contrario, si autoalimenta dai finali tramite i suoi cavi (uno con guaina blu e l'altra gialla) e cioè “prende“ da essi ( i finali ) la tensione di alimentazione ed il segnale a bassa frequenza.
Se noti i cavetti del pre hanno un plug (JONES) a sei poli ed uno spinotto di rete che va collegato alla presa femmina dei QUAD II.
I pre QUAD 22 per forza di cose devono essere collegati ai finali altrimenti occorre costruirsi un alimentatore separato, con le giuste tensioni di alimentazione, ed il tutto funziona regolarmente.

Veniamo ai finali QUAD II:
ESSI NON HANNO BISOGNO DEI LORO PRE QUAD 22 PER POTER FUNZIONARE, basta infatti collegarli alla rete attraverso le due spine a due poli (magari con una ciabatta con interruttore) ed inserire un plug modificato con un pin RCA in una presa a sei poli, identica a quella in dotazione nei cavi originali, dove viene inserito il cavo del pre.
Esistono alcuni spinotti a 6 poli identici a quelli originali Quad.
A questo plug (spinotto) andrà collegato il normale cavo di segnale. E questa cosa si deve fare ovviamente per tutti e due i finali.
OK Silvio ?
Ciao,
Pier Paolo

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Amadeus il Gio Set 11, 2014 9:06 am

Sui QUAD II si è scritto molto e, alle volte, ho notato con molta approssimazione. Io li conosco bene perchè possiedo da decenni i due finali QUAD II ed il loro pre QUAD 22. I cavi che provengono dal pre QUAD 22 sono quanto mai funzionali e ben progettati, utilissimi per i collegamenti e facili da inserire. Ho anche altri preamplificatori che collego ai QUAD II tramite appositi spinotti originali adattati con PIN RCA. Facile, facilissimo senza problemi, non vedo particolari difficoltà di nessun genere. I finali possono essere collegati quindi con tanti pre che si devono, però, interfacciare in modo corretto per avere una perfetta riproduzione musicale. A me piace molto, oltre al QUAD 22 che reputo un apparecchio progettato benissimo e che si interfaccia a meraviglia (ovvio) ai suoi finali, il preamplificatore Croft Super Micro, essenziale e ben suonante. Lascerei perdere per strada i tanti che sostengono che i Quad II suonino bene con altri pre che non sia il loro, forse, ma ne sono certo, non hanno ascoltato in modo vero questo stupendo trittico Quad e pur di straparlare emettono strani sibili dalle loro bocche.
Amadeus.
avatar
Amadeus

Messaggi : 286
Data d'iscrizione : 28.08.14
Località : Emilia Romagna

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Paolo51 il Sab Set 13, 2014 3:38 pm

Amadeus ha scritto:Sui QUAD II si è scritto molto e, alle volte, ho notato con molta approssimazione. Io li conosco bene perchè possiedo da decenni i due finali QUAD II ed il loro pre QUAD 22. I cavi che provengono dal pre QUAD 22 sono quanto mai funzionali e ben progettati, utilissimi per i collegamenti e facili da inserire. Ho anche altri preamplificatori che collego ai QUAD II tramite appositi spinotti originali adattati con PIN RCA. Facile, facilissimo senza problemi, non vedo particolari difficoltà di nessun genere. I finali possono essere collegati quindi con tanti pre che si devono, però, interfacciare in modo corretto per avere una perfetta riproduzione musicale. A me piace molto, oltre al QUAD 22 che reputo un apparecchio progettato benissimo e che si interfaccia a meraviglia (ovvio) ai suoi finali, il preamplificatore Croft Super Micro, essenziale e ben suonante. Lascerei perdere per strada i tanti che sostengono che i Quad II suonino bene con altri pre che non sia il loro, forse, ma ne sono certo, non hanno ascoltato in modo vero questo stupendo trittico Quad e pur di straparlare emettono strani sibili dalle loro bocche.
Amadeus.

E' da molto tempo che sostengo questa tesi e cioè che i QUAD II riescono ad esprimere tutta la loro magia con il loro preamp QUAD 22. L'Acoustical, così come tutte le ditte dell'epoca e non dell'epoca, ha progettato i loro preamplificatori e finali tenendo in masima considerazione proprio la sinergia che insieme essi possano offrire.
E l'interfacciabilità risulta ovviamente perfetta. Quì non c'è alcun dubbio. Che poi molti, in questi ultimi anni, abbiamo riscoperto apparecchi del passato, soprattutto a valvole, capaci di suonare magnificamente e che in seguito abbiano fatto prove abbinando finali con altre Unità di Controllo che non fossero le loro, ci può stare. Magari trovando un interfacciamento ottimale con preamps diversi. Io stesso faccio funzionare i miei Quaddini anche con il Marantz 7 e l'AR SP 6 oltre che con il QUAD 22 Stereo, a seconda delle mie varie combinazioni d'ascolto. E allora?
E allora questo fatto di per sè non significa nulla perchè i preamps dedicati ai loro finali sono in grado comunque di poter elargire sonorità molto buone. Anche io ho letto e leggo qualche volta strane dicerie sul QUAD 22 e sul suo presunto responso ambrato, chiuso, poco trasparente e cretinate del genere...ma tant'è il mondo è pieno di persone che non sanno ascoltare!
Provate, se potete, a collegare due Unità Leak Point One Plus mono con i Leak TL 12 Plus monofonici e capirete come la sinergia pre+finale della stessa Casa funzioni a meraviglia.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Paolo51 il Gio Ott 30, 2014 11:24 am


Le valvole dei QUAD II

Ancora sulle valvole impiegate sui favolosi QUAD II !!
Ebbene si, ricevo ogni tanto e-mail con la richiesta di appassionati che chiedono se possano utilizzare tubi diversi da quelli originali, cioè montati in origine dalla QUAD.
La risposta è sempre la stessa: si possono impiegare valvole diverse ma esattamente equivalenti e non "surrogati delle stesse".
Per esempio: le valvole 6L6 G (non GC) sono equivalenti delle KT66 ma occorre, visto i diversi parametri elettrici, eseguire qualche modifica sui componenti come la resistenza di catodo.
Però come sempre sarebbe opportuno possedere i tubi che la Casa di Huntingdon prevedeva sui finali e quindi:
KT66 Marconi /Osram- G.E.C.
GZ32 MULLARD
EF86 MULLARD.


Ovviamente anche la QUAD descriveva sul libretto d'istruzioni dei finali altre possibilità di valvole equivalenti, come fanno tutte le ditte serie proponendo alternative. Ma il suono?
Già il SUONO? Secondo la mia esperienza se sostituiamo le valvole originali, il suono ne risente e non poco.



_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Amadeus il Dom Dic 07, 2014 11:35 am

...........Ovviamente anche la QUAD descriveva sul libretto d'istruzioni dei finali altre possibilità di valvole equivalenti, come fanno tutte le ditte serie proponendo alternative. Ma il suono?
Già il SUONO? Secondo la mia esperienza se sostituiamo le valvole originali, il suono ne risente e non poco........................................................

Concordo con quanto affermato nel post sopra. La QUAD forniva delle indicazioni sulla sostituzione di tubi equivalenti come viene riportato in tutti i libretti di istruzioni. E' normale che questo avvenga. Però non vuol dire che tutte le valvole equivalenti diano risultati buoni, anzi, direi proprio di no. Nei Quad II questo fatto è evidentissimo perchè si provi a sostituire le KT66, valvole uniche in quanto a fantastiche sonorità, e poi si ascolti attentamente l'effetto ottenuto. Così come importantissime sono le EF86, devono essere della massima qualità e della massima efficienza, pena un suono moscio, ambrato, ricco di troppa eufonia,ecc. Verissimo quello che sostiene Pier Paolo.

avatar
Amadeus

Messaggi : 286
Data d'iscrizione : 28.08.14
Località : Emilia Romagna

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Paolo51 il Sab Gen 10, 2015 4:06 pm



QUAD II

Le fantastiche valvole triodo KT66 MARCONI !

Rarissime, eccellenti, autentici pezzi di Storia dell'audio a valvole.
Le KT66 originali (sia grafitate che chiare) sono, lo ripeto fino alla nausea a dispetto di tutti coloro che sostengono che possono "suonare bene" sui QUAD II anche tubi equivalenti, le uniche degne di poter essere utilizzate nei finali storici.
Non c'è paragone con tubi costruiti oggi, le repliche cinesi,ecc, non c'è storia, non esiste un minimo confronto.
Anche se impieghiamo valvole storiche tipo 6L6 G (con relativa modifica nella sezione catodica del circuito) e pur essendo in presenza di tubi eccezionali, tuttavia esse non raggiungono nei QUAD II lo stesso livello di sonorità delle KT66 originali.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da costino175 il Mer Gen 21, 2015 2:29 pm

A volte gli apparecchi si ascoltano con quello che si ha a disposizione, in questo momento i Quad II dell'amico Silvio stanno suonando con il pre Audio Note M2 phono signature in maniera eccellente, Purtroppo non ho mai avuto a disposizione il loro pre e quindi l'interfacciamento originario è per me sconosciuto. In questa fase, con l'ausilio delle AR 3a mi interessava fare un confronto tra i Quad e il Rogers Cadet II. Le differenze, in questa configurazione, a mio avviso si possono ravvisare in una gamma bassa più profonda e corposa, una scena acustica ancora più ampia e una migliore naturalezza da parte dei Quad. La velocità e la dinamica dei due apparecchi sono abbastanza simili. Spero nel prossimo futuro di poter avere questi finali (non proprio questi esemplari che non sono miei) in pianta stabile nel mio set up. Tuttavia questo ascolto conferma ancora una volta l'eccezionale rapporto q/p del Rogers che a mio avviso, con le esperienze fatte sinora, appare imbattibile.

costino175

Messaggi : 179
Data d'iscrizione : 27.05.14
Età : 65
Località : Loano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Amadeus il Ven Gen 23, 2015 11:13 am

costino175 ha scritto:A volte gli apparecchi si ascoltano con quello che si ha a disposizione, in questo momento i Quad II dell'amico Silvio stanno suonando con il pre Audio Note M2 phono signature in maniera eccellente, Purtroppo non ho mai avuto a disposizione il loro pre e quindi l'interfacciamento originario è per me sconosciuto. In questa fase, con l'ausilio delle AR 3a mi interessava fare un confronto tra i Quad e il Rogers Cadet II. Le differenze, in questa configurazione, a mio avviso si possono ravvisare in una gamma bassa più profonda e corposa, una scena acustica ancora più ampia e una migliore naturalezza da parte dei Quad. La velocità e la dinamica dei due apparecchi sono abbastanza simili. Spero nel prossimo futuro di poter avere questi finali (non proprio questi esemplari che non sono miei) in pianta stabile nel mio set up. Tuttavia questo ascolto conferma ancora una volta l'eccezionale rapporto q/p del Rogers che a mio avviso, con le esperienze fatte sinora, appare imbattibile.

I due finali sono diversi, sia per il circuito che per le valvole utilizzate. Il loro suono quindi risulterà differente; conoscendo entrambi gli apparecchi posso dire di concordare in generale con quanto affermato poco sopra. I QUAD II danno un notevole contributo in gamma bassa e media ed una più accentuata eufonia in gamma alta. Adoperando però tubi della massima qualità in entrata (EF86), si riuscirà ad ottenere un suono ancora più aperto. Molto dipende infatti dai tubi EF86. Io impiego valvole Mullard, anodo short e white logo.
I Rogers Cadet sono piacevoli e presentano minore potenza rispetto ai QUAD II. Per la mia personale esperienza, sostengo che il Cadet II sia molto trasparente in fatto di gamma alta e meno corposo in quella bassa. Il rapporto qualità-prezzo cui si accennava è vero a favore del Rogers, del resto all'epoca i due apparecchi erano venduti a prezzi differenti. Molto più alto quello dei QUAD II che erano monofonici ed occorreva acquistarne due.
avatar
Amadeus

Messaggi : 286
Data d'iscrizione : 28.08.14
Località : Emilia Romagna

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da costino175 il Ven Gen 23, 2015 4:50 pm

Ciao
Le EF 86 sono anche negli esemplari che sto provando delle Mullard. Concordo pienamente con quello che dici. La prossima settimana inserirò le Celestion 44 al posto delle AR e sono molto curioso.
PS: purtroppo i Quad non sono miei

costino175

Messaggi : 179
Data d'iscrizione : 27.05.14
Età : 65
Località : Loano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Amadeus il Dom Gen 25, 2015 10:51 am

costino175 ha scritto:Ciao
Le EF 86 sono anche negli esemplari che sto provando delle Mullard. Concordo pienamente con quello che dici. La prossima settimana inserirò le Celestion 44 al posto delle AR e sono molto curioso.
PS: purtroppo i Quad non sono miei

In quanto alle EF86 Mullard, non basta che siano Mullard ma devono anche essere efficienti al 100%, cioè nuove. Solamente in questa maniera si possono ottenere grandi prestazioni dai QUAD II.
Fra le varie accoppiate eccellenti con i QUAD II, esiste anche quella con TANNOY. Dalla mia esperienza fatta sul campo, posso testimoniare come le Tannoy Lancaster Rectangular con coassiale da 15" e le Tannoy III LZ - 10 " GOLD -si sposino a meraviglia con i finali inglesi.
Provato a lungo anche le QUAD ESL 57, straordinarie, e le ADVENT The LOUDSPEAKERS, le prime con tweeter PEERLESS rossi. Davvero un bel ascoltare.
avatar
Amadeus

Messaggi : 286
Data d'iscrizione : 28.08.14
Località : Emilia Romagna

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da costino175 il Dom Gen 25, 2015 11:54 am

Le EF86 le ha fornite Pier Paolo all'atto del restauto dei finali. In effetti li ho ascoltati con Tannoy III LZ, Lancaster Corner 12, Cheviot, sempre con risultati eccellenti.
Con le AR non si possono raggiungere pressioni elevatissime, ma sono perfetti per un normale ascolto casalingo di eccezionale qualità

costino175

Messaggi : 179
Data d'iscrizione : 27.05.14
Età : 65
Località : Loano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Amadeus il Mar Gen 27, 2015 10:02 am

costino175 ha scritto:Le EF86 le ha fornite Pier Paolo all'atto del restauto dei finali. In effetti li ho ascoltati con Tannoy III LZ, Lancaster Corner 12, Cheviot, sempre con risultati eccellenti.
Con le AR non si possono raggiungere pressioni elevatissime, ma sono perfetti per un normale ascolto casalingo di eccezionale qualità

Con i finali QUAD II nulla è "vietato" in termini di interfacciamento con i diffusori. Penso, anzi ne sono sicuro, che questi autentici capolavori possano pilotare la maggior parte di casse sia antiche che attuali. Sono 15 watts di potenza, solamente, ma sono 15 watts puri in CLASSE A in grado di fornire una riproduzione musicale sublime.
Anche io, nelle mie varie peripezie di ascolti e di prove, ho collegato i QUAD con le AR 3 ottenendo ottimi suoni.
Secondo me, però, i migliori interfacciamenti rimangono quelli con CELESTION Ditton e TANNOY per via della grande trasparenza che questi diffusori possiedono.
avatar
Amadeus

Messaggi : 286
Data d'iscrizione : 28.08.14
Località : Emilia Romagna

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: QUAD - Acoustical MFG & Co.

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 5 1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum