Leak TL 12 Point-One - The Best!

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Paolo51 il Sab Lug 19, 2014 9:24 am



Leak TL 12 Point - One - The AMPLIFIER!

Amazing Sound!

 
Lo storico finale di potenza Leak TL 12 Point-One del 1948, a ragione divenuto famoso in tutto il mondo per le interessanti soluzioni tecniche adottate, impiega un circuito che data la sua importanza storica e la grande reputazione conquistatasi a livello internazionale è doveroso conoscere e studiare a fondo per poter capire la nascita dell’alta fedeltà.
Lo studio del circuito Leak è fondamentale al fine di comprendere l’intera produzione di questa gloriosa Casa inglese con sede a Londra. Da tale progetto elettronico deriveranno, infatti, i grandi successi ottenuti dalla Leak: dal piccolo e delizioso Leak TL 10 del 1954 agli eccezionali finali monofonici della serie Plus come il  TL 12 Plus, TL 25 Plus e il poderoso TL 50 Plus; dal compatto e mitico finale stereofonico Leak Stereo 20 ai potenti Leak Stereo 50 e Stereo 60.
L’amplificatore TL 12 Point One fu scelto dall’Ente Britannico B.B.C. a partire dai primi anni Cinquanta per equipaggiare stabilmente le proprie stazione radio-trasmittenti, consapevole delle qualità superiori dei prodotti Leak.
Fatto non da poco questo che la dice lunga sulla fama e la buona reputazione di cui godeva l’Ingegnere Inglese presso uno degli Enti radio-televisivi più potenti e rinomati al mondo. In seguito molti altri Enti radio-televisivi internazionali acquistarono gli amplificatori TL 12.1 dalla Leak come la RAI Italiana.  
 
Paolo
 
continua...
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Paolo51 il Sab Lug 19, 2014 9:35 am



Leak TL 12 Point - One

Per dimostrare, inoltre, la bontà degli standard qualitativi raggiunti e l’importanza di un tasso di distorsione veramente basso conseguito dal suo amplificatore ai tecnici del suono ed agli intenditori di musica, Harold Leak si adoperò per eseguire numerose riunioni tecniche e molte prove d’ascolto assai convincenti e significative.
Alcune delle più importanti e storiche sono state: la dimostrazione alla Società Cinematografica Inglese nel teatro londinese G.B. Theatre nel 1946; la prova tecnica alla Royal Society of Arts nel 1948; il famoso test eseguito nel 1949 al National Phisical Laboratory di Londra in cui si dimostrò che il TL 12 Point One presentava addirittura performances migliori di quelle fornite dalla Casa.
L’amplificatore TL 12 Point One adotta uno schema elettrico che comprende quattro tubi posizionati in tre distinti stadi più un quinto tubo che provvede all’alimentazione generale di tutto l’apparato. Come si è accennato prima, la geniale intuizione di Harold Leak fu quella di aver abbassato per primo al mondo il tasso di distorsione assai elevato che inevitabilmente si riscontrava in tutti gli amplificatori audio fino ad allora costruiti. Il tasso massimo di distorsione presente nel TL 12 non superava mai lo 0,1% su tutte le frequenze alla massima potenza di uscita grazie all’applicazione nel circuito di un alto grado di controreazione dell’ordine di 26 decibel.
Per poter applicare, però, un così alto fattore di Negative-Feedback all’amplificatore è necessario che l’intero progetto sia elaborato in maniera ottimale con l’utilizzo di trasformatori di straordinaria qualità e costruzione. Che nel TL 12 i componenti usati fossero di livello professionale lo dimostrava anche il fatto che senza l’introduzione della controreazione di 26 decibel il tasso di distorsione armonica non eccedeva lo 0,8% (zero e otto per cento) a 1.000 Hz con una uscita di 10 Watt!
La potenza effettiva del Leak TL 12 è di 12 watts che si ottengono come detto poco sopra con 160 millivolt in ingresso mentre il suo funzionamento è in classe A B 1.

Paolo

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Paolo51 il Sab Lug 19, 2014 9:40 am


Leak TL 12 Point - One
 
Entrando nel vivo del circuito, osserviamo come esso sia formato da tre stadi ben distinti:
- il primo stadio è costituito dal pentodo EF36 (EF37 A) che funge da amplificatore di tensione del segnale,
- il secondo stadio prevede un doppio triodo ECC33 quale invertitore di fase (Phase Splitter),
- il terzo stadio utilizza due tetrodi di potenza KT66 collegati a Triodo.
L’alimentazione del complesso è affidata al tubo doppio diodo GZ32.
I risultati eccellenti di riproduzione a tutte le frequenze audio sono dovuti ad un progetto particolarmente ben studiato che partendo da una elevata sensibilità ed una bassissima distorsione, grazie all’adozione di una controreazione efficiente in tutti e tre gli stadi (TL-Triple-Loop), ha portato il Leak TL 12 Point-One ad essere all’epoca uno dei migliori amplificatori esistenti, capace di avere ben pochi rivali in campo audio.
 
Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Paolo51 il Sab Lug 19, 2014 10:00 am


 
Le valvole del Leak TL 12.1
 
Il finale monofonico Leak TL 12.1 impiegava le seguenti valvole originali:
EF36/EF37A MULLARD -Pentodo d'ingresso
ECC33 MULLARD - doppio triodo sfasatore/driver
KT66 Marconi/Osram -G.E.C. - tubi finali di potenza
GZ32 Mullard - Doppio diodo rettificatore

 
Una nota sul pentodo d'ingresso EF36:
Il pentodo EF36, con la tipica colorazione rossa dovuta alla particolare schermatura, fu progettato e costruito dalla Mullard alla fine degli anni Trenta. E’ stato un tubo impiegato tantissimo soprattutto per radio trasmissioni e come tubo ricevente, RF / IF.
Venne utilizzato anche in campo audio nelle unità preamplificatrici e nei finali di potenza.
Il Williamson lo adoperò nei suoi preamplificatori da collegare al suo celebre amplificatore. Tuttavia la valvola EF36 presentava una certa microfonicità se utilizzata negli stadi d’ingresso dei circuiti a B.F. Venne successivamente sostituta dal pentodo EF37 ed infine negli anni Cinquanta dal tubo EF37 A.
Questo tubo era stato migliorato nella costruzione del filamento e del catodo di emissione e presentava in tal modo un più basso livello di microfonicità e HUM (ronzio). I parametri elettrici delle tre versioni erano/sono uguali.
E’ da sottolineare, comunque, che la prima versione e cioè la valvola EF36 Mullard evidenziava fattori di microfonicità solamente quando era in via di esaurimento.
I finali storici che hanno utilizzato la EF36/EF37A Mullard sono stati molti, qualche esempio:
LEAK Type 15 -1945
ACOUSTICAL MB-31 - 1948
Q.U.A.D. I - 1949
LEAK TL 25 /TL 25A - 1948/49
LEAK TL 12.1 - 1948


Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da eziodoc il Sab Lug 19, 2014 12:07 pm

Ciao Paolo,
la versione con il bulbo di colore grigio di queste valvole evidenzia solo
il tipo di derivazione militare o é casuale?

Ciao
Ezio

eziodoc

Messaggi : 26
Data d'iscrizione : 29.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Paolo51 il Sab Lug 19, 2014 3:05 pm


 
eziodoc ha scritto:Ciao Paolo,
la versione con il bulbo di colore grigio di queste valvole evidenzia solo
il tipo di derivazione militare o é casuale?

Ciao
Ezio
 
La versione della EF37A colore grigio è la CV-358 ed era impiegata per scopi governativo-militari.
Esistono due versioni della CV-358, una fatta a ST-SHAPE, come quella che si vede nella fotografia ed una con bulbo diritto.
L'equivalente della valvola EF37A, o per meglio dire un possibile tubo per la sua sostituzione, è la valvola 6J7 R.C.A. americana. Nel Leak TL12.1 però è da preferirsi la vecchia EF36 Mullard, se in ottime condizioni di efficienza, oppure la EF37A. 
Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da eziodoc il Lun Lug 21, 2014 1:44 pm

Mi sembra che, nonostante le piú nuove e perfezionate EF37-37A, tu preferisca la "imperfetta" EF36.. Laughing 
C'é un motivo di qualitá finale sonora superiore di quest'ultima?

Ciao
Ezio

eziodoc

Messaggi : 26
Data d'iscrizione : 29.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da eziodoc il Lun Lug 21, 2014 3:03 pm



Pare che esistano anche grigie EF37A, non CV358..
In questo caso grigie e rosse sono sovrapponibilicome caratteristiche?

Ciao
Ezio

eziodoc

Messaggi : 26
Data d'iscrizione : 29.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Paolo51 il Lun Lug 21, 2014 4:16 pm

eziodoc ha scritto:Mi sembra che, nonostante le piú nuove e perfezionate EF37-37A, tu preferisca la "imperfetta" EF36.. Laughing 
C'é un motivo di qualitá finale sonora superiore di quest'ultima?

Ciao
Ezio

La EF36 Mullard originale, quella che la Leak impiegò nei suoi amplificatori, è una valvola eccellente.
Così come lo è la EF37A, che è solamente la versione aggiornata con caratteristiche di microfonicità e Hum molto più bassi. Come sonorità vanno benissimo entrambe. L'aggiornamento di questa valvola, perciò, non implica migliore suono.
Se, tuttavia, si dispongono di tubi nuovi d'epoca EF36 e quindi in pieno regime di efficienza, allora non vedo perchè non utilizzarli.
Rispondo all'altra tua domanda dicendoti che sono perfettamente uguali in tutto e per tutto sia le EF37A grigio-militare, con bulbo ST-SHAPE o bulbo diritto (come quelle in foto), sia le CV-358 grigio-militari e sia le EF37A colorazione rossa.

Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Paolo51 il Mar Set 30, 2014 4:02 pm



Leak TL 12.1  - Leak Vari - Slope

All'inizio degli anni cinquanta, questa coppia pre e finale Leak presentava notevoli prestazioni sia tecniche che musicali.
Il loro costo era altissimo e solamente i tecnici, i professionisti ed alcuni appassionati dal portafoglio robusto se li potevano permettere.

Il Leak Vari-Slope esce sul mercato nel 1952 e viene prodotto fino al 1954.
Con questo preamplificatore inizia la serie Vari-Slope, unità di controllo  sofisticate ed originali che mostrano un circuito dotato di particolari accorgimenti tecnici.
L’originale filtro a Pendenza Variabile venne appositamente studiato ed applicato dalla Leak per ridurre e minimizzare la distorsione alle alte frequenze prodotta dalle registrazioni su disco dell’epoca.
Il TL 12 Point-One era considerato il miglior amplificatore presente sul mercato, soprattutto quello professionale, per le sue straordinarie doti. Anche in America, veniva apprezzato e stimato dai cultori del bel suono.
Oggi il Leak TL 12.1 è ancora l'oggetto del desiderio per molti che apprezzano il suono delle valvole!

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Paolo51 il Gio Ott 09, 2014 3:00 pm



Rivista STEREO - Marzo 1996

Articolo sul Leak TL 12 POINT-ONE


Nel marzo del 1996, quasi vent'anni fa, fu pubblicato un mio articolo sul Leak TL 12.1. Era la prima descrizione/recensione di questo straordinario amplificatore con tubi KT66 su di una rivista audio, STEREO HI-FI.
Nell'articolo ne venivano descritte la Storia, le note salienti del circuito ed i vari pregi.
All'epoca il TL 12.1 era conosciuto da pochi in Italia ma all'estero, soprattutto in Giappone, erano molti anni che se ne discuteva ed apprezzava la bontà sonora![/b]

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Paolo51 il Sab Nov 15, 2014 4:40 pm

.....Da Roby_gala......Per quanto riguarda i condensatori ho sia dei 0.25uF @ 500V TCC Metalpack sia dei 0.25uF @ 500V TCC SuperMetalpack.
Li ho testati sotto tensione nominale scoprendo che i Metalpack sono leggermente in perdita mentre i SuperMetalpack sono perfetti a distanza di tanti anni.
Il loro valore della corrente di perdita è minore ho uguale a quello di alcuni Jensen carta/olio di recente produzione che ho utilizzato come riferimento.
Altro discorso i condensatori da 25uF sul catodo delle KT66 ... ... non so "che pesci prendere"!
Ho dei condensatori elettrolitici assiali da 50uF @ 100V di tipo militare, ermetici e caratterizzati da un'elevato indice di affidabilità ma non so se possono essere indicati.
Hai qualcosa da consigliarmi? Il massimo sarebbe poter inserire i nuovi condensatori all'interno dell'involucro originario preservando così l'aspetto esteriore.
Per le resistenze da 600 Ohm ho una valida alternativa qualora queste non risultassero in specifica o non stabili in temperatura.
Si tratta di resistenze tubolari (quindi stesso aspetto di quelle originali) della Vishay da 8W, 604 Ohm, 1%, 30 ppm/°C con avvolgimento antinduttivo Ayrton-Perry.
Ti allego anche le foto dell'interno dei miei amplificatori. Sai darmi un'indicazione del loro periodo di costruzione. Grazie.

Roberto..........

In merito ai TCC, posso dirti che siano stati eccellenti caps ed infatti li hanno utilizzati ditte importanti non solo Leak. Tuttavia oggi sono pressochè tutti in perdita. Nuovi o rimanenze non se ne trovano ma, anche ammesso di trovarli, non riescono ad avere l'affidabilità necessaria per il delicato compito che devono svolgere. Molto meglio puntare su SPRAGUE,SANGAMO o ERO.
Per i catodici da 25 microf. delle KT66, puoi impiegare caps del valore di 47/50 micro -150250 VL. della tedesca FRAKO o gli eccellenti ROE (colore bronzo-oro).
L'attenzione più grande la devi rivolgere alle 2 resistenze anodiche del circuito PHASE-SPLITTER della valvola ECC33: 57 KOhm e 68 KOhm. Devono essere del valore più preciso possibile, tolleranza quindi del 5%.

I tuoi Leak datano 1954/56.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da roby_gala il Gio Nov 20, 2014 6:52 pm

Non riesco a capire, mi sfugge sicuramente qualcosa  ... ... perché un condensatore non in perdita (TCC SuperMetalpack testato con 500Vdc) non dovrebbe garantire affidabilità nella funzione di condensatore di accoppiamento? Hai avuto qualche passata esperienza negativa che ti ha portato a questa conclusione?
Pensi che degli SPRAGUE Vitamin-Q (0,22uF - 400V/600V) possano andare bene? Oppure meglio 0,27uF?
Per gli elettrolitici seguirò il tuo consiglio e andrò sicuramente sui FRAKO magari, se li trovo, con 100V di tensione di lavoro.
Le resistenze da 57 KOhm non sono cosi facili da reperire ma se uso delle 56K con 1% di tolleranza rientro nella variazione della 57K +/- 5% che è il valore nominale.




Paolo51 ha scritto:.....Da Roby_gala......Per quanto riguarda i condensatori ho sia dei 0.25uF @ 500V TCC Metalpack sia dei 0.25uF @ 500V TCC SuperMetalpack.
Li ho testati sotto tensione nominale scoprendo che i Metalpack sono leggermente in perdita mentre i SuperMetalpack sono perfetti a distanza di tanti anni.
Il loro valore della corrente di perdita è minore ho uguale a quello di alcuni Jensen carta/olio di recente produzione che ho utilizzato come riferimento.
Altro discorso i condensatori da 25uF sul catodo delle KT66 ... ... non so "che pesci prendere"!
Ho dei condensatori elettrolitici assiali da 50uF @ 100V di tipo militare, ermetici e caratterizzati da un'elevato indice di affidabilità ma non so se possono essere indicati.
Hai qualcosa da consigliarmi? Il massimo sarebbe poter inserire i nuovi condensatori all'interno dell'involucro originario preservando così l'aspetto esteriore.
Per le resistenze da 600 Ohm ho una valida alternativa qualora queste non risultassero in specifica o non stabili in temperatura.
Si tratta di resistenze tubolari (quindi stesso aspetto di quelle originali) della Vishay da 8W, 604 Ohm, 1%, 30 ppm/°C con avvolgimento antinduttivo Ayrton-Perry.
Ti allego anche le foto dell'interno dei miei amplificatori. Sai darmi un'indicazione del loro periodo di costruzione. Grazie.

Roberto..........

In merito ai TCC, posso dirti che siano stati eccellenti caps ed infatti li hanno utilizzati ditte importanti non solo Leak. Tuttavia oggi sono pressochè tutti in perdita. Nuovi o rimanenze non se ne trovano ma, anche ammesso di trovarli, non riescono ad avere l'affidabilità necessaria per il delicato compito che devono svolgere. Molto meglio puntare su SPRAGUE,SANGAMO o ERO.
Per i catodici da 25 microf. delle KT66, puoi impiegare caps del valore di 47/50 micro -150250 VL. della tedesca FRAKO o gli eccellenti ROE (colore bronzo-oro).
L'attenzione più grande la devi rivolgere alle 2 resistenze anodiche del circuito PHASE-SPLITTER della valvola ECC33: 57 KOhm e 68 KOhm. Devono essere del valore più preciso possibile, tolleranza quindi del 5%.

I tuoi Leak datano 1954/56.

roby_gala

Messaggi : 13
Data d'iscrizione : 04.11.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Paolo51 il Ven Nov 21, 2014 10:47 am

Non riesco a capire, mi sfugge sicuramente qualcosa ... ... perché un condensatore non in perdita (TCC SuperMetalpack testato con 500Vdc) non dovrebbe garantire affidabilità nella funzione di condensatore di accoppiamento? Hai avuto qualche passata esperienza negativa che ti ha portato a questa conclusione?
Pensi che degli SPRAGUE Vitamin-Q (0,22uF - 400V/600V) possano andare bene? Oppure meglio 0,27uF?
Per gli elettrolitici seguirò il tuo consiglio e andrò sicuramente sui FRAKO magari, se li trovo, con 100V di tensione di lavoro.
Le resistenze da 57 KOhm non sono cosi facili da reperire ma se uso delle 56K con 1% di tolleranza rientro nella variazione della 57K +/- 5% che è il valore nominale.


Caro Roberto, i TCC Super metalpack sono ottimi condensatori ma occorre verificare la loro "tenuta" sul finale. Prova ad impiegarli e monitora costantemente il funzionamento dell'apparecchio. Molto meglio gli SPRAGUE VITAMIN Q da o,27 uF / 600 VL

Piccola nota:
negli anni sessanta alla Leak si resero conto che i condensatori in carta/olio TCC presentavano problemi per le maestranze, della serie erano cancerogeni. Ci fu una normativa per cui furono messi al bando...quelli che si trovano sono molto vecchi al contrario di SANGAMO, ERO, SPRAGUE, DUBILIER che sono stati prodotti per più tempo e quindi sono più a tenuta.

Gli elettrolitici FRAKO sono eccellenti, li adopero da molto così come i ROE.
Le resistenze da 56 kohm vanno bene, assicurati che siano di eccellente fattura. Ciao

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Paolo51 il Gio Gen 15, 2015 10:53 am



Riporto una e-mail inviatami prima di Natale da un appassionato possessore dei mitici LEAK TL 12.1 che ritengo possa interessare i lettori :

"Egr. Sig. Pier Paolo. vorrei chiederle informazioni circa il blocco condensatori in carta e olio dei finali Leak TL 12 Point One. Nei miei esemplari, essi sono stati sostituiti con condensatori, presumo, elettrolitici, per meglio precisare sono stati aggiunti e saldati sulle boccole di quelli originali. Premesso che i finali funzionano bene, vorrei sapere se questa modifica possa inficiare il suono generale di questi stupendi amplificatori. Grazie fino da ora per la sua eventuale risposta.
Giorgio R."


Gentile Sig. Giorgio, Le rispondo subito dicendole purtroppo di si, cioè il suono dei TL 12.1 viene "pesantemente inficiato" dall'inserimento di condensatori elettrolitici al posto di quelli originali in carta/olio.
La Leak aveva previsto, proprio per questo eccellente amplificatore, il filtraggio della tensione anodica per mezzo di un blocco di condensatori in carta/olio che oltretutto non si poteva reperire in commercio. Il blocco, infatti, veniva assemblato solamente per la Leak dalla TCC su specifiche della ditta stessa. Questo tipo di filtraggio/livellamento della tensione anodica per le valvole del circuito, poteva assicurare un responso sonico eccezionale ed oltretutto era affidabilissimo nel tempo (nei miei esemplari, ne ho 4, sono ancora montati i condensatori originali che funzionano benissimo dopo oltre 60 anni !!!).
I condensatori all'interno del blocco in metallo erano in numero di 3 nelle prime versioni poi in n umero di 4 in quelle successive. Se si impiegano caps elettrolitici, il suono cambia in peggio.
Non Le nascondo che sia un bel problema da risolvere perchè occorrono condensatori in carta/olio perfetti, non in perdita e della massima qualità possibile. Come solamente si potevano trovare all'epoca.
Una soluzione potrebbe essere quella di smontare il blocco in metallo ed inserire all'interno caps in carta/olio nuovi d'epoca, rimanenze cioè di qualche fornitore, oppure inserire condensatori in polipropilene del valore adeguato, mai però elettrolitici.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Amadeus il Mar Gen 20, 2015 4:05 pm

Ottimo P.Paolo, molto utili queste spiegazioni ed informazioni.
Sapevo anche io qualcosa circa il blocco dei condensatori dei TL 12POINT ONE o meglio ero a conoscenza della criticità di questi componenti. Un mio conoscente, felice possessore di questi apparecchi, mi diceva della fatica effettuata nella ricerca dei condensatori perchè uno di quelli originali era molto probabilmente in perdita e procurava un leggero ronzio.
Li ho ascoltati un pò di volte ed il risultato era strepitoso.
avatar
Amadeus

Messaggi : 286
Data d'iscrizione : 28.08.14
Località : Emilia Romagna

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Paolo51 il Mer Gen 21, 2015 4:10 pm

Amadeus ha scritto:Ottimo P.Paolo, molto utili queste spiegazioni ed informazioni.
Sapevo anche io qualcosa circa il blocco dei condensatori dei TL 12POINT ONE o meglio ero a conoscenza della criticità di questi componenti. Un mio conoscente, felice possessore di questi apparecchi, mi diceva della fatica effettuata nella ricerca dei condensatori perchè uno di quelli originali era molto probabilmente in perdita e procurava un leggero ronzio.
Li ho ascoltati un pò di volte ed il risultato era strepitoso.

E' vero, non è facile reperire condensatori carta/olio per il blocco di filtro dei TL 12.1.
Però questa è la condizione/soluzione SINE QUA NON questi finali "suonino" in modo corretto o per meglio dire senza questa condizione/soluzione non suonano in modo ottimale e basta !!
In merito poi ai condensatori di segnale, ecco un altro punto critico cui occorre fare molta attenzione. Non si devono impiegare caps in poliestere o peggio del peggio in polipropilene ma senza alcun dubbio caps in carta/olio. Con tali condensatori (polip.-polies.), il finale suonerà bene ma non avrà le sonorità originali dell'epoca. Medesimo discorso per le resistenze dell'epoca, in questo caso ERIE che risultavano e risultano ancora essere le migliori resistenze costruite. Adatte per scopi professionali come appunto era professionale il Leak TL 12.1.
Qualcuno mi potrà obiettare: ma come fai a saperlo?
Già, come si fa a conoscre come il Leak TL 12.1 "suonasse" 50/60 anni fa? Prima di tutto occorre possedere tanta esperienza con questi finali, poi occorre averne posseduti o possederne diversi esemplari, poi occorre averli ascoltati nel loro assetto originale, poi,ecc.,ecc.,
Di TL 12.1 posseggo diversi pezzi e posso dire di conoscerli bene, molto bene da decenni.
Attenzione, però, a mettere le mani su questo gioiello se non lo si conosce a fondo: pena pasticci, degrado del suono, ronzii vari e quant'altro.


P.S. Una curiosità: il TL 12.1 veniva costruito e venduto per impieghi pro ad uso e consumo di ENTI radiotelevisivi (BBC, RAI ITALIA,ecc.), di tecnici del suono, di professionisti del suono. Visto poi il grande successo ottenuto, i più danarosi lo acquistavano per uso domestico ma costava un...botto !!!Il finale comunque era lo stesso, medesima versione.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Amadeus il Mar Gen 27, 2015 11:09 am

Scorazzando ogni tanto su internet, si leggono una miriade di "cosette" strane. Sui vari forum, inoltre, che leggo più che altro per capire quale grado di conoscenza si abbia sugli apparecchi vintage a valvole storici e quale di tipo di castronerie vengano riportate, ci si imbatte in affermazioni lapidarie del tipo:
il Leak TL 12 point one funziona ottimamente con componenti passivi moderni quali condensatori in polipropilene........ occorre sostituire tutti i componenti perchè quelli vecchi originali sono tutti fuori tolleranza.......occorre modificare il circuito togliendo qualche condensatore per avere un minor guadagno (questa affermazione è semplicemente fuori di testa nonchè orrenda....!)........occorre inserire viceversa una resistenza sul capellotto della prima valvola EF36 (sic...?!?).......impiegare resistenze buone ad impasto di carbone tipo KIWAME (disastrose sui Leak) perchè quelle originali sono di bassa qualità (LE RESISTENZE DEI LEAK ERANO LE MIGLIORI ALL'EPOCA E LO SONO ANCORA OGGI ! )......ecc., ecc., ecc.

Ho riportato qualche cazzata apparsa sul web (leggi...qualche forum) per far capire il grado di conoscenza, per esempio, del leggendario Leak TL 12.1, ma che potrebbe benissimo essere estesa ad altri apparecchi Leak.
Dalle parole scritte ad opera di NON conoscitori di apparecchi vintage e soprattutto di LEAK, si evince quindi come tale grado di conoscenza/competenza lasci alquanto a desiderare, moltissimo a desiderare.
Secondo quella che è la mia personale esperienza, voglio affermare come sia controproducente limitarsi a leggere tutto quello che il web sciorina perchè, se non si hanno le conoscenze giuste per sapere veramente come stiano le "cose", ci sarà sempre un'affermazione contraria ad un'altra affermazione e la confusione regnerà sempre e comunque sovrana ! Alla fine, nessuno capirà più nulla.
Io come ho fatto? Ho acquisito l'esperienza sul campo ascoltando e riascoltando, mi sono informato su testi corretti, ho letto e riletto i libri giusti, anche in inglese.

Il post sopra riportato da P.Paolo è illuminante per capire quello che io abbia appena scritto.
avatar
Amadeus

Messaggi : 286
Data d'iscrizione : 28.08.14
Località : Emilia Romagna

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da ferro il Gio Feb 05, 2015 10:21 am

Si leggono diverse cose riguardo i vari restauri di apparecchi vintage e quindi anche sui LEAK. Ultimamente ho letto qualcosa sul Leak TL12 Point One, a dir la verità poche cose e abbastanza confuse. Secondo me, per ripristinare in maniera giusta un apparecchio d'epoca occorre essere non solo tecnici preparati ma anche appassionati ed esperti e da quello che leggo non mi sembra sia così.
In merito al TL 12 Point One ma anche agli altri apparecchi della Leak, credo che il più preparato ed esperto da decenni sia Pier Paolo Ferrari. Penso che sia conosciuto da tutti nell'ambito del vintage ed infatti io mi rivolgo a lui per qualsiasi informazione o consiglio. Ebbene, il leggere le tante sciocchezze espresse in giro per la rete (e Amadeus ha fatto bene a sottolinearlo nel post precedente) sia fuorviante per chi è a digiuno delle cose vintage.
Un esempio che mi trova d'accordo pienamente è il discorso fatto sulle resistenze d'epoca impiegate negli apparecchi d'epoca, ossia quelle originali. Sono della massima qualità e lo dico perchè nei miei Leak sono quasi tutte originali e all'ascolto si sente, molto bene.
avatar
ferro

Messaggi : 200
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Amadeus il Gio Feb 05, 2015 11:29 am

ferro ha scritto:Si leggono diverse cose riguardo i vari restauri di apparecchi vintage e quindi anche sui LEAK. Ultimamente ho letto qualcosa sul Leak TL12 Point One, a dir la verità poche cose e abbastanza confuse. Secondo me, per ripristinare in maniera giusta un apparecchio d'epoca occorre essere non solo tecnici preparati ma anche appassionati ed esperti e da quello che leggo non mi sembra sia così.
In merito al TL 12 Point One ma anche agli altri apparecchi della Leak, credo che il più preparato ed esperto da decenni sia Pier Paolo Ferrari. Penso che sia conosciuto da tutti nell'ambito del vintage ed infatti io mi rivolgo a lui per qualsiasi informazione o consiglio. Ebbene, il leggere le tante sciocchezze espresse in giro per la rete (e Amadeus ha fatto bene a sottolinearlo nel post precedente) sia fuorviante per chi è a digiuno delle cose vintage.
Un esempio che mi trova d'accordo pienamente è il discorso fatto sulle resistenze d'epoca impiegate negli apparecchi d'epoca, ossia quelle originali. Sono della massima qualità e lo dico perchè nei miei Leak sono quasi tutte originali e all'ascolto si sente, molto bene.

Quoto e aggiungo che Pier Paolo non solo è esperto ma è una vera "Bibbia" in campo hi-fi vintage perchè non ha parlato solamente di Leak, quando nessuno conosceva questo famoso marchio, ma ha descritto innumerevoli altri apparecchi vintage hi-fi come Rogers, Radford, Dynaco, Armstrong,ecc.
Sul discorso restauro, è vero che occorra essere prima di tutto appassionati veri e conoscere perciò a fondo i vari vintage equipment.
In quanto a sottolineare queste cose, posso dire mi procuri qualche fastidio il leggere discussioni campate in aria da parte di chi per puro caso si avvicina al mondo vintage e poi sentenzia..........
avatar
Amadeus

Messaggi : 286
Data d'iscrizione : 28.08.14
Località : Emilia Romagna

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Amadeus il Ven Feb 06, 2015 9:25 am

E ancora sui restauri.............non basta, secondo me, smontare i componenti di un finale o preamp, guardare su internet quello che fanno gli altri (senza conoscere chi sono...gli altri), acquistare resistenze, condensatori, bobine,ecc. senza sapere quali di questi componenti dovrebbero funzionare al meglio su questo o quel apparecchio. Proprio non basta fare così.
Ogni apparecchio vintage ha la sua caratteristica di suono e le sue peculiarità di intervento. Sul Leak TL 12.1 o sul Leak TL 25 PLUS (come i miei) o su qualche altro pre-amplificatore, occorre avere tanta esperienza per individuare il componente giusto da sostituire. E poi non si può o non si deve togliere tutto quello originariamente utilizzato, ed in questo gli inglesi ma anche gli italiani sono maestri......ma occorre lasciare al loro posto quei componenti eccellenti che ancora sono in grado di funzionare. Sennò snaturiamo totalmente il suono riprodotto!
Nei miei QUAD II erano montati condensatori di segnale Mundorf M-CAP in polipropilene, una vera schifezza ed oltretutto dal costo alto. Un suono chiuso, poco equilibrato e innaturale.
Con pazienza li ho sostituiti, grazie ai consigli di Pier Paolo, con condensatori in carta olio ERO del 1968/69. E' cambiato tutto!
Quindi, morale della favoletta, attenzione a chi si improvvisa "restauratore per caso"............
avatar
Amadeus

Messaggi : 286
Data d'iscrizione : 28.08.14
Località : Emilia Romagna

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Paolo51 il Ven Feb 06, 2015 4:06 pm

Sottoscrivo quello che avete detto, pienamente.
In merito ai condensatori Mundorf, è verissimo, sui QUAD II fanno letteralmente pietà anzi non li fanno proprio suonare.
Occorre impiegare ancora una volta componenti del passato, insuperabili, a patto che siano nuovi, efficienti e con valori corretti. La qualità di resistenze, per esempio, come ALLEN BRADLEY o ERIE oppure di condensatori come SPRAGUE, ERO, SANGAMO, ICAR, DUBILIER, HUNTS,ecc. oggi la possiamo solo sognare !

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Paolo51 il Mar Feb 17, 2015 10:13 am

Leak TL 12 POINT ONE

Ho visto in questi giorni in foto un restauro o meglio uno pseudo-restauro su questi leggendari amplificatori. Che dire, letteralmente....nà schifezza...come si dice a Napoli!
Sostituiti tutti i componenti con nuovi componenti, cioè con componenti costruiti oggi. E già quì non siamo assolutamente d'accordo perchè la qualità dov'è, chi lo dice che siano componenti ottimi e che funzionino davvero bene?
Nessuno, perchè nessuno ha esperienza con i LEAK TL 12.1. Almeno da quello che vedo e che sento in giro.
Ci si improvvisa restauratori e ci si adegua e poi il TL 12.1 ci mette del suo per suonare perchè è uno dei migliori amplificatori mai realizzati, però, però, che massacro !!!!!!!!!!!!

Non abusiamo più di tanto della "pazienza" del Leak TL 12 PONT ONE, per favore.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Paolo51 il Gio Feb 19, 2015 9:49 am



LEAK TL 12 POINT ONE

Questo che vedete in fotografia è un esempio di restauro intelligente e ben fatto!
Un restauro fatto da chi è appassionato di apparecchi vintage.
Si sono impiegati condensatori in carta/olio nos e si sono lasciati quei componenti originali che ancora funzionano molto bene.
Notare le resistenze ERIE lasciate nei punti critici del circuito, ovvero nei punti chiave, lì dove il segnale viene elaborato e non si DEVE snaturare. E quelle resistenze sono davvero il massimo !!
Si sono adoperati altri componenti nuovi e di ottimo livello come condensatori RIFA.
Insomma niente a che vedere con il pseudo -restauro che ho visto in questi giorni nelle foto postate su di un forum.
Quando si parla di RESTAURO si deve parlare di RESTAURO e non di riparazione, sostituzione in blocco di tutti i componenti, ecc.



N.B.
L'esemplare è il LEAK TL 12 Point-One seconda versione, colorazione GOLD e trasformatori POTTED, ovvero chiusi e non aperti come la prima versione.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 919
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da ferro il Sab Feb 21, 2015 10:02 am

Paolo51 ha scritto:

LEAK TL 12 POINT ONE

Questo che vedete in fotografia è un esempio di restauro intelligente e ben fatto!
Un restauro fatto da chi è appassionato di apparecchi vintage.
Si sono impiegati condensatori in carta/olio nos e si sono lasciati quei componenti originali che ancora funzionano molto bene.
Notare le resistenze ERIE lasciate nei punti critici del circuito, ovvero nei punti chiave, lì dove il segnale viene elaborato e non si DEVE snaturare. E quelle resistenze sono davvero il massimo !!
Si sono adoperati altri componenti nuovi e di ottimo livello come condensatori RIFA.
Insomma niente a che vedere con il pseudo -restauro che ho visto in questi giorni nelle foto postate su di un forum.
Quando si parla di RESTAURO si deve parlare di RESTAURO e non di riparazione, sostituzione in blocco di tutti i componenti, ecc.



N.B.
L'esemplare è il LEAK TL 12 Point-One seconda versione, colorazione GOLD e trasformatori POTTED, ovvero chiusi e non aperti come la prima versione.

Sono d'accordo con te, Pier Paolo, sul fatto dei restauri fatti ad cazzum. La fotografia che hai inserito del Leak TL 12 Point One è una un'ottima dimostrazione di come si deve fare.
Stimolato dal tuo discorso sul restauro, sono andato a riguardarmi i miei Leak TL 12 Plus, la parte dei componenti. Ebbene è stato eseguito un intervento soprattutto sui condensatori. Nei condensatori montati si legge la marca: Plessey e RS, i primi sono di colore giallino mentre i secondi di colore grigio. Vedrò di inserire una foto per far capire il lavoro. In generale penso sia stato fatto un buon lavoro perchè ho notato che si sono lasciati componenti originali, resistenze e qualche condensatore di piccole dimensioni mentre si è intervenuto su altri.
Chi esegue un lavoro del genere, molto probabilmente ne capisce di interventi. Il riscontro poi è l'ottima sonorità dei finali Leak.
avatar
ferro

Messaggi : 200
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Leak TL 12 Point-One - The Best!

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum