ROGERS Cadet Mk III

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Paolo51 il Lun Ott 06, 2014 9:08 am





ROGERS CADET  Mk III Excellent  Sound

Il Cadet Mk III fu presentato dalla Rogers a partire dal 1964. Questo piccolo ed eccellente amplificatore, pre e finale, è il diretto discendente del Rogers Cadet Mk II del 1962.
E’ stato costruito in due serie: la prima (1964-1970) presentava l’apparecchio in due telai, il preamplificatore ed il finale stereo di potenza. Entrambe le unità erano racchiuse all’interno di un cabinet di legno così da poter offrie la massima facilità d’impiego e la massima flessibilità di collegamento.
La seconda serie, prodotta dal 1966 fino al 1970, offriva l'opportunità di avere il Cadet Mk III come un vero e proprio amplificatore integrato.
La Rogers nel 1966 ripresenta la stessa versione precedente ma assemblata in un unico chassis, sia la sezione pre che quella finale di potenza.
Il circuito ed i componenti sono quelli della tradizione minimalista Rogers. Essenzialità, praticità e bontà dei componenti sono, infatti, le prerogative della ditta di Jim Rogers. La potenza di uscita dell'apparecchio è di "soli" 7 + 7 watts RMS. Non tragga in inganno l'esigua potenza perchè il piccolo Rogers è capace di pilotare tantissimi diffusori senza alcun cedimento!!

Le valvole sono:
4 x ECL86, triodi – pentodi per la sezione finale e tre ECC807 (BRIMAR) doppi-triodi per quella preamplificatrice.
La Rogers impiegava solitamente valvole ECL86 Mullard-Philips e valvole ECC807 Brimar, la sola ditta che produceva all’epoca questi doppi-triodi.

Il piccolo Rogers Cadet Mk III ancora oggi è in grado di strabiliare per le sue tante doti soniche, un vero best-seller ed un vero capolavoro di tecnica, layout e musicalità!

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 908
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Paolo51 il Mar Ott 07, 2014 4:41 pm





Pubblicità dell'epoca del Rogers Cadet Mark III - Hi-Fi News -1965

Sopra: pre e finale Cadet Mk III - 1a Serie

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 908
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Paolo51 il Mar Ott 07, 2014 4:44 pm



Il finale Rogers Cadet Mk III


Simmetria di assemblaggio, razionalità dei componenti e notevole compattezza fanno di questo amplificatore un vero gioiellino!
E che suono !!

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 908
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da costino175 il Mar Ott 07, 2014 6:07 pm

Immagino lo avrai già provato con le Celestion 44, assieme possono formare un impianto intorno ai mille euro (aggiungendo un buon lettore cd) con prestazioni di livello elevatissimo. Le mie le ho provato col finale Cadet II e sono rimasto estremamente soddisfatto ottenendo un suono molto musicale e soprattutto naturale

costino175

Messaggi : 176
Data d'iscrizione : 27.05.14
Età : 65
Località : Loano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Paolo51 il Mer Ott 08, 2014 9:56 am

costino175 ha scritto:Immagino lo avrai già provato con le Celestion 44, assieme possono formare un impianto intorno ai mille euro (aggiungendo un buon lettore cd) con prestazioni di livello elevatissimo. Le mie le ho provato col finale Cadet II e sono rimasto estremamente soddisfatto ottenendo un suono molto musicale e soprattutto naturale

Ciao, dopo svariati anni di convivenza con il mio Cadet III, l'ho provato ed ascoltato con diversi diffusori. Non ultimi le Ditton 44. L'interfacciabilità è notevole, il Rogerino fa letteralmente "volare" le Celestion 44, anche le 15 in verità.
Hai ragione, con circa 1.000 euro ci si può allestire un impianto degno di questo nome. Solo 1.000 euro, alla faccia dei costi stratosferici esistenti in giro!! Il problema vero è che l'appassionato deve avere modo di provare queste combinazioni del passato perchè solamente in questo modo si potrà rendere conto della massima musicalità che esse sono in grado di offrire.

P.S. Per il Rogers, occorre spendere anche qualche soldo in più per reperire ottime valvole altrimenti addio a tutta la potenziale bontà sonora che è in grado di elargire.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 908
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Paolo51 il Mar Ott 14, 2014 10:35 am



ROGERS CADET Mk III - Integrated Amplifier

Quello che si vede in foto è la seconda versione del Rogers Cadet Mk III, prodotta dal 1966 al 1970.
I due apparecchi quindi sono stati costruiti in 2 versioni: la prima dal 1964 al 1970 e la seconda dal 1966 al 1970.
Ribadisco questo concetto perchè, anche se in rete oramai si trova molta letteratura su questo apparecchio, molti ancora fanno confusione sui due modelli e parlano di Cadet III come amplificatore integrato. Puntualmente, quando qualcuno parla del Rogers in rete o su qualche forum, ecco che mi arrivano diverse e-mail con la richiesta di spiegazione del tipo:
- i due Rogers suonano nella stessa maniera?
- i due Rogers sono uguali?
- sono amplificatori integrati?

Evidentemente quando si parla del Rogers si è imprecisi e questo genera inesattezze e pressapochismo.
Allora vediamo di chiarire ancora una volta come stanno le cose.
La 1a versione consiste in un vero e proprio due telai, ovvero un preamp ed il suo finale dedicato. I due apparecchi distinti ed allogiati insieme nello stesso cabinet (che è quello identico della 2a versione) sono collegati tramite un cordone ombelicale mentre gli ingressi sono posti, staccati, in una piastrina metallica avvitata nella parte posteriore del cabinet. Mentre il finale di potenza può essere collegato da solo ad un altro preamplificatore per mezzo di due PIN RCA che si potranno ricavare all'interno dallo zoccolo d'ingresso, il preamp non può funzionare senza il suo finale.
La 2a versione consiste, invece, in un apparecchio INTEGRATO vero e proprio. La Rogers ha sistemato in un UNICO telaio le due sezioni, pre e finale di potenza, cambiando sostanzialmente la disposizione dei componenti del circuito. I trasformatori sono gli stessi. Gli ingressi in questa 2a versione sono alloggiati nel pannello in metallo posteriore. Le valvole, ECL86 e ECC807, sono le medesime nelle 2 versioni.
Spero di aver chiarito.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 908
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Amadeus il Mar Ott 14, 2014 3:53 pm

Porto il mio piccolo contributo alla questione.
Io possiedo i Rogers RD Junior però ho anche ascoltato negli anni il Cadet III di mio cugino. Lui ha la versione due telai di cui è molto soddisfatto e per poter collegare il Rogers ad un altro pre ha fatto fare una piccola modifica negli ingressi del finalino. In questo modo può ascoltare sia il suo che altri pre. Quindi il Rogers si comporta come un finale a se stante. Ciao.
Amadeus
avatar
Amadeus

Messaggi : 280
Data d'iscrizione : 28.08.14
Località : Emilia Romagna

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Paolo51 il Ven Ott 17, 2014 9:34 am

Il collegamento del Rogers Cadet Mk III con i diffusori può sembrare a prima vista semplice. Nessuno ne parla mai, tutti si concentrano sulle buone caratteristiche tecniche del piccolo apparecchio ma...occorre calibrare bene il collegamento perchè, al contrario di altri amplificatori dove sono presenti plugs cambio impedenza classici a 4, 8, 16 ohm, nel Cadet III così come nel Cadet II essi risultano diversi.
La domanda più frequente che in tanti anni mi veniva posta (e ancora mi viene posta) da parte di chi possedeva queste elettroniche era, appunto, su quale presa inserire i morsetti dell'altoparlante. Un fatto questo non banale come si potrebbe pensare perchè il collegamento determina in modo importante il funzionamento dell'apparecchio e di conseguenza quello dell'intero impianto.
Nel prossimo post, chiarirò meglio la questione.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 908
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Paolo51 il Mer Ott 22, 2014 9:18 am



ROGERS CADET Mk III

Il collegamento del Rogers Cadet III all’altoparlante prevede due combinazioni di impedenza:

3 - 5 OHM
10 - 15 OHM


E non le classiche uscite a 4, 8, 16 OHM.
Sembrerebbe ovvio interfacciare un diffusore con impedenza a 16 ohm alla presa del Cadet 10-15 ohm oppure un diffusore a 4 ohm a quella 3-5 ohm. E' abbastanza intuitivo, ma come poter effettuare correttamente il collegamento a 8 ohm della stragrande maggioranza dei diffusori ?
Vediamo i dati misurati nella tabella sottostante, perché entrano in gioco sia la potenza di uscita e sia la distorsione armonica totale.

Dalle misure ricavate all’oscilloscopio sui vari Rogers Cadet III, sia miei che in riparazione, ho ricavato quanto segue:

USCITA  CADET 3-5 OHM -1 KHz


CARICO  4 OHM:  POTENZA DI USCITA 9 WATT - DIST. CANALE R = 1,1%
CARICO 4 OHM: POTENZA DI USCITA 9 WATT - DIST. CANALE L = 1%
CARICO  8 OHM: POTENZA DI USCITA 7 WATT- DIST. CANALE R = 0,62%
CARICO 8 OHM: POTENZA DI USCITA 7 WATT - DIST. CANALE L = 0,68%
_________________________________________________________
USCITA CADET 10-15 OHM – 1 KHz

CARICO 8 OHM: POTENZA DI USCITA 5 WATT - DIST. CANALE R = 1,4%
CARICO 8 OHM: POTENZA DI USCITA 5 WATT - DIST. CANALE L = 1,5%
CARICO 16 OHM: POTENZA DI USCITA 9 WATT - DIST. CANALE R = 0,8%
CARICO 16 OHM: POTENZA DI USCITA 9 WATT - DIST. CANALE L = 1%

Ognuno trarrà le proprie conclusioni e capirà se ha mai collegato in modo giusto il proprio Cadet III.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 908
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Amadeus il Gio Ott 23, 2014 9:15 am

Molto interessante questa spiegazione del collegamento del Cadet.
In effetti le prese di uscita sui Cadet prevedono valori di impedenza anomali, ed avere una tabella riassuntiva completa risulta utilissima per chi li possiede.
Non avevo mai letto e non sapevo di questo "problemino". Ottimo.
avatar
Amadeus

Messaggi : 280
Data d'iscrizione : 28.08.14
Località : Emilia Romagna

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Paolo51 il Gio Nov 20, 2014 10:24 am

Amadeus ha scritto:Molto interessante questa spiegazione del collegamento del Cadet.
In effetti le prese di uscita sui Cadet prevedono valori di impedenza anomali, ed avere una tabella riassuntiva completa risulta utilissima per chi li possiede.
Non avevo mai letto e non sapevo di questo "problemino". Ottimo.

Infatti molti tendono a sottovalutare questo aspetto o perchè non sanno come collegare le casse al Cadet III o perchè non ci avevano mai pensato.
Ma la questione è importante: dalla tabella si evince come i parametri elettrici e le distorsioni in gioco risultino differenti ed occorre, come spiegato poco sopra, cercare di calibrare molto bene l'impedenza di uscita.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 908
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da costino175 il Gio Nov 20, 2014 10:27 am

Quindi le AR 3a andrebbero collegate sulla presa 3/5 ohm vista la loro bassa impedenza?

costino175

Messaggi : 176
Data d'iscrizione : 27.05.14
Età : 65
Località : Loano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Paolo51 il Gio Nov 20, 2014 4:39 pm

costino175 ha scritto:Quindi le AR 3a andrebbero collegate sulla presa 3/5 ohm vista la loro bassa impedenza?


Ciao Carlo, secondo me si, poi ovviamente occorre fare delle prove.
Però non è solamente una questione di impedenza ma di distorsione armonica.

Stiamo parlando del ROGERS CADET Mk III ma lo stesso discorso vale anche per il ROGERS CADET Mk II,che tu possiedi.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 908
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da costino175 il Mar Nov 25, 2014 8:16 am

Ciao Paolo
Probabilmente avevo frainteso le indicazioni che mi avevi dato e ho sempre tenuto le AR collegate alle prese 10/15 ohm. Ora le ho collegate alle prese 4 ohm ed effettivamente c'è stato un sensibile miglioramento sotto molti aspetti. In ogni caso rimane un mistero il fatto che un amplificatore come il Cadet II riesca a pilotare con tanta autorità e dinamica diffusori come le 3a che hanno ucciso ampli ben più pretenziosi e ovviamente molte volte più costosi. E' un apparecchio dal quale non mi separerò mai, oltretutto siamo quasi coetanei

costino175

Messaggi : 176
Data d'iscrizione : 27.05.14
Età : 65
Località : Loano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Paolo51 il Ven Dic 05, 2014 9:41 am

costino175 ha scritto:Ciao Paolo
Probabilmente avevo frainteso le indicazioni che mi avevi dato e ho sempre tenuto le AR collegate alle prese 10/15 ohm. Ora le ho collegate alle prese 4 ohm ed effettivamente c'è stato un sensibile miglioramento sotto molti aspetti. In ogni caso rimane un mistero il fatto che un amplificatore come il Cadet II riesca a pilotare con tanta autorità e dinamica diffusori come le 3a che hanno ucciso ampli ben più pretenziosi e ovviamente molte volte più costosi. E' un apparecchio dal quale non mi separerò mai, oltretutto siamo quasi coetanei

Nessun mistero, Carlo, riguardo alle prestazioni del piccolo CADET Mk II.
Fai molto bene a non separarti dal Rogers, è un grazioso "capolavoro" di sonorità e buon equilibrio. Oltretutto con due...lire, pardon con due euro lo si riesce ad acquistare nel mercato dell'usato. Attenzione, però, deve essere valvolato con ottime valvole perchè è sull'assetto dei tubi che ci si gioca gran parte delle sue prestazioni. Ciao.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 908
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da costino175 il Ven Dic 05, 2014 11:03 am

Infatti monta un quartetto di Mullard che tu stesso avevi misurato, se ricordi. Infatti suona magnificamente

costino175

Messaggi : 176
Data d'iscrizione : 27.05.14
Età : 65
Località : Loano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Paolo51 il Sab Dic 06, 2014 5:01 pm

costino175 ha scritto:Infatti monta un quartetto di Mullard che tu stesso avevi misurato, se ricordi. Infatti suona magnificamente

Esatto Carlo, le ECL86 Mullard sono fra i migliori tubi triodo-pentodo.
Anche se non mi piace molto il brand TFK, nel Cadet Mk II "suonano" molto bene anche le ECL86 Telefunken!

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 908
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Alessandro il Lun Dic 15, 2014 8:15 pm

Ciao Pier Paolo
Volevo chiederti nella prima versione (quello con il finalino separato dal pre) dove si trova l'entrata Disc sul pre, perché ho le scritte cancellate. Io l'ho collegato al thorens TD 160 con puntina Shure V15 lll utilizzando un pre phono esterno. Secondo te il suo pre phono é consigliato con l'abbinamento sopra descritto?
Un saluto
Alessandro

Alessandro

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 07.06.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Paolo51 il Mar Dic 16, 2014 10:07 am

Alessandro ha scritto:Ciao Pier Paolo
Volevo chiederti nella prima versione (quello con il finalino separato dal pre) dove si trova l'entrata Disc sul pre, perché ho le scritte cancellate. Io l'ho collegato al thorens TD 160 con puntina Shure V15 lll utilizzando un pre phono esterno. Secondo te il suo pre phono é consigliato con l'abbinamento sopra descritto?
Un saluto
Alessandro



Nella 1a versione del Rogers Cadet III, gli ingressi si trovano posizionati si di una basetta alla destra del cabinet. Ci sono solamente 2 entrate e non tutte: DISC e TUNER.
Per vedere tutti gl ingressi, devi smontare il finale e guardare gli ingressi effettivi sul preamp. DISC e TUNER si trovano sulla destra, come si vede in foto, TAPE, REPLAY e RECORD sulla sinistra.
Per ottenere un interfacciamento corretto, occorre, comunque, l'adattatore DISC-PHONO da inserire sulla destra del pre. La sensibilità d'ingresso DISC è di 2 mVOLTS, perciò non occorre un pre phono.
Ciao.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 908
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da ferro il Ven Lug 31, 2015 8:26 am

A proposito di questo "piccolo" finale Rogers, posso dire di averlo ascoltato più di una volta. Il suono è bello e pulito con un ottimo equilibrio a tutte le frequenze. La potenza, anche se di soli 7 watt massimi, è sufficiente a pilotare svariati diffusori.
Il costo dell'apparecchio è abbordabilissimo e in rete se ne trova qualche occasione.
Secondo me, però, occorre spendere un pò di soldini per l'impiego di tubi di eccellente fattura.
Dato che il Rogers ne monta solo quattro, non penso sia una follia il loro costo.
La differenza fra un Cadet III valvolato bene ed uno no, si sente.
L'esemplare che ho ascoltato poco tempo fa, montava quattro ECL86 Mullard ma il proprietario aveva anche un quartetto di riserva Telefunken, nos.
Ciao.
avatar
ferro

Messaggi : 198
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Paolo51 il Sab Ago 01, 2015 3:28 pm

ferro ha scritto:A proposito di questo "piccolo" finale Rogers, posso dire di averlo ascoltato più di una volta. Il suono è bello e pulito con un ottimo equilibrio a tutte le frequenze. La potenza, anche se di soli 7 watt massimi, è sufficiente a pilotare svariati diffusori.
Il costo dell'apparecchio è abbordabilissimo e in rete se ne trova qualche occasione.
Secondo me, però, occorre spendere un pò di soldini per l'impiego di tubi di eccellente fattura.
Dato che il Rogers ne monta solo quattro, non penso sia una follia il loro costo.
La differenza fra un Cadet III valvolato bene ed uno no, si sente.
L'esemplare che ho ascoltato poco tempo fa, montava quattro ECL86 Mullard ma il proprietario aveva anche un quartetto di riserva Telefunken, nos.
Ciao.

In effetti, il Rogers Cadet III presenta quotazioni sull'usato più che buone. L'apparecchio ha una costruzione "minimalista" ed essenziale e se i componenti sono in ordine, allora occorre concentrarsi sulle valvole. Come ben detto da ferro, le quattro ECL86 (che sono valvole triodi-pentodi, due in un solo involucro) sono importanti nel responso sonico generale.
Più che mai in questo finale stereo.
Quindi è d'obbligo impiegare tubi di eccellente fattura come le ECL86 MULLARD, PHILIPS e Telefunken in primis.
Inoltre possono dare ottimi risultati anhce le ECL86 VALVO (Philips) e TUNGSRAM. Come sempre, però, è utile la loro selezione visto che sono 2 tubi ogni valvola.

N.B. Si sta parlando ovviamente del solo finale stereo Cadet III (1a versione) e non dell'integrato Cadet III.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 908
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Bass-trbn il Sab Ago 01, 2015 8:50 pm

Buonasera a tutti.
Da recente neo utilizzatore del Cadett III (solo finale) non posso che confermarne le eccellenti qualità soniche e musicali!
Ho fatto un ottimo acquisto, grazie anche all'esperienza e i consigli di Pier Paolo e di voi appassionati.
Spero di trovare un quartetto di valvole selezionate, magari Mullard o di analoga qualità, per avere un ricambio per il futuro.
avatar
Bass-trbn

Messaggi : 27
Data d'iscrizione : 12.06.15
Località : Pistoia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da mattia.ds il Dom Ago 02, 2015 5:29 pm

Bass-trbn ha scritto:Buonasera a tutti.
Da recente neo utilizzatore del Cadett III (solo finale) non posso che confermarne le eccellenti qualità soniche e musicali!
Ho fatto un ottimo acquisto, grazie anche all'esperienza e i consigli di Pier Paolo e di voi appassionati.
Spero di trovare un quartetto di valvole selezionate, magari Mullard o di analoga qualità, per avere un ricambio per il futuro.


Per curiosità, con che pre fai andare il Cadet?

Mattia


Ultima modifica di mattia.ds il Sab Lug 23, 2016 12:52 pm, modificato 1 volta
avatar
mattia.ds

Messaggi : 163
Data d'iscrizione : 24.10.14
Età : 48
Località : padova

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Bass-trbn il Lun Ago 03, 2015 1:27 pm

Sana curiosità.
Veramente il pre non è vintage.
È autocostruito, non da me che sono impedito con l'elettronica ma da un amico che anni fa si dilettava, con ottimi risultati.
L'idea era stata quella di copiare un prodotto di buon livello, lo spunto è partito dall'ARC SP10, infatti lo stadio phono (che è separato) è sostanzialmente simile.
La linea era stata successivamente modificata cambiando le valvole in favore delle 6SN7 (o 6SL7, non ricordo e dovrei aprire per guardare) al posto delle 6DJ8.
L'alimentazione è molto curata.
Al di là degli aspetti tecnici, per me oscuri, la qualità è PER ME eccellente e non avrei problemi a confrontarlo con apparecchi blasonati e molto costosi.
La scelta del finale Cadett III è stata influenzata in parte anche dal desiderio di continuare ad usarlo, cosa che forse sarebbe stata problematica abbinandolo magari con un Leak...
Tutto ciò senza nulla togliere, ovviamente, alla qualità e al valore intrinseco dei pre d'epoca, trattati in queste pagine.
Un Varislope abbinato ad uno Stereo 20 o ad un TL12 Plus è sempre un sogno che spero di realizzare.
Saluti.
avatar
Bass-trbn

Messaggi : 27
Data d'iscrizione : 12.06.15
Località : Pistoia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da mattia.ds il Lun Ago 03, 2015 4:41 pm

Ti ringrazio della risposta. Da quello che mi dici è sicuramente un ottimo pre. Sono anch'io possessore di un pre artigianale di tutt'altra impostazione rispetto al tuo, monta infatti due 71a.
Ho provato ad usarlo anche con lo Stereo 20, ma effettivamente ha un guadagno troppo alto, ed è problematico regolare il volume, molto meglio il suo Varislope!
Eccellente invece in abbinamento con i finali mono VTL Triode 25.
Un saluto e buoni ascolti

Mattia
avatar
mattia.ds

Messaggi : 163
Data d'iscrizione : 24.10.14
Età : 48
Località : padova

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: ROGERS Cadet Mk III

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum