Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Pagina 2 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Paolo51 il Ven Mar 13, 2015 10:30 am

Si, le E80F sono perfettamente compatibili con le EF86. Quindi si possono impiegare anche nei pre Varislope e Point-One.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 902
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Paolo51 il Ven Mar 13, 2015 10:50 am

jocolor jocolor jocolor LEAK STEREO 20 -  wow che suono!!!!





Dai commenti riportati da
Adriano, gli ascolti sono stati molto, molto buoni. Il Leak Stereo 20 in abbinamento con gli altri pezzi dell'impianto ha dimostrato una verve frizzante ed una corposità notevole nella restituzione del messaggio musicale!

Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 902
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Paolo51 il Ven Mar 20, 2015 10:45 am





LEAK TK 12 PLUS

La coppia di splendidi Leak TL 12 Plus sono stati portati a casa dell'amico LUIGI per una seduta di ascolti ed inseriti nel suo ottimo impianto.
La sessione di ascolto si è svolta venerdì scorso insieme all'amico Adriano, proprietario della coppia di TL 12 Plus.
I finali Leak, restaurati e revisionati dal sottoscritto, hanno dato un'eccellente prova di musicalità. Il loro suono è molto vicino a quello originale, VERY CLOSE TO... direbbero gli inglesi, per via dell'impiego di condensatori in carta/olio n.o.s. ICAR e GEN. INSTRUMENTS di inizio anni settanta, di resistenze nuove d'epoca ALLEN-BRADLEY e di valvole nuove d'epoca PHILIPS-MULLARD.
Conosco alla perfezione i TL 12 Plus perchè ne ho diverse coppie da decenni e posso confrontare il loro suono, sia quello ORIGINALE per mezzo di esemplari mai toccati e sia quello riveniente dal restauro, come in questo caso.
Il resto dell'impianto è quello eccellente dell'amico Luigi, ossia:

-Giradischi THORENS TD-124 - Braccio FIDELITY RESEARCH-FR54- Testina ORTOFON SPU.- Giradischi THORENS TD-160.
- Preamplificatore AUDIO-NOTE Mk2
- Diffusori J B L -L 220

- Finale LEAK STEREO 20.
- Finali mono LEAK TL 12 PLUS.


Nel "girovagare" ad ascoltare impianti, è bello poter constatare ancora una volta e per l'ennesima volta che apparecchi di oltre 50 anni fa, come gli straordinari LEAK, riescano ancora a procurare emozioni VERE ed essere perfettamente interfacciabili sia con altri apparecchi vintage e sia con quelli moderni !!

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 902
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Amadeus il Mar Mar 24, 2015 10:15 am

QUOTE.........Nel "girovagare" ad ascoltare impianti, è bello poter constatare ancora una volta e per l'ennesima volta che apparecchi di oltre 50 anni fa, come gli straordinari LEAK, riescano ancora a procurare emozioni VERE ed essere perfettamente interfacciabili sia con altri apparecchi vintage e sia con quelli moderni !!

Verissimo.
Apparecchi che hanno sul groppone 40/50 anni e più sono capaci di strabiliare l'ascoltatore. Procurano pressioni acustiche con una musicalità sconosciuta alla maggior parte di componenti moderni. Questo lo posso affermare in tutta onestà perchè di apparecchiature attuali ne ho ascoltate molte.Non perdo l'occasione di visitare manifestazioni o fare sessioni d'ascolto con conoscenti. Però si ritorna sempre al punto di partenza: L'ASCOLTO con elettroniche o diffusori vintage vince a prescindere dalla loro età! Non si può rimanere indifferenti, si viene coinvolti magicamente dalla loro superiorità musicale.
Veramente non si è fatto nessun passo avanti in quanto a prestazioni, affidabilità, tecnica costruttiva (anzi...), emozione, coinvolgimento delle elettroniche a valvole. Ed anche in fatto di diffusori non si è avuto un grande miglioramento se pensiamo, per esempio, al suono spettacolare di una CELESTION Ditton 44 o 66 oppure di una Tannoy Lancaster, York, GRF,ecc. A metà degli anni sessanta, i costruttori avevano già perfezionato tutto.....
avatar
Amadeus

Messaggi : 272
Data d'iscrizione : 28.08.14
Località : Emilia Romagna

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Paolo51 il Mar Mar 24, 2015 4:44 pm

Esattissimo Amadeus.....
I costruttori avevano già capito, studiato, fatto, stabilito,ecc.,ecc., tutto quanto. La teconologia a tubi era arrivata all'apice e tubi come quelli d'epoca oggi ce li sogniamo !!!!
Con buona pace di tutti quelli che non vogliono spendere in valvole d'epoca e si accontentano di quelle di attuale produzione, sostenendo che funzionino benissimo. Amen........
E non mi si venga a dire che elettroniche a valvole d'epoca come LEAK, ROGERS, QUAD, MARANTZ, PYE, ARMSTRONG, RADFORD, HEATHKIT, DYNACO, tanto per citare qualche nome di eccellenza, suonino come apparecchiature a tubi moderne o peggio artigianali. Ma quali artigianali? Costruite da chi? Con quale garanzia di risultato? A quale costo? Con quali valvole? Boh.........
Ed i trasformatori? Oggi chi li costruisce più trasformatori come HADDON, PARMEKO, PARTRIDGE, SAVAGE, ACROSOUND, PEERLESS, CHIGACO, STANCOR, DYNACO Super- Fidelity ? Nessuno !
Hai voglia ad ascoltare bene senza componenti di eccelsa qualità.


P.S.
Dimenticavo di dire una cosa essenziale: i circuiti elettrici impiegati oggi che sono, nella maggior parte dei casi, esattamente quelli di 40/50/60 anni fa !!!!

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 902
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Paolo51 il Dom Mar 29, 2015 8:52 am



LEAK TL 12 PLUS + AUDIO NOTE + THORENS TD-124 + FIDELITY RESEARCH + ORTOFON SPU + JBL L-220

Il sottoscritto con l'amico Luigi mentre colleghiamo al resto dell'impianto la coppia di TL 12 PLUS. In alto, a destra, lo splendido THORENS TD-124 con il nuovo plinth fatto costruire su misura. Il tutto appoggiato su di una robusta base di marmo.



La potente JBL L-220 con il particolare tweeter CAT-EYE, l'unità per i medi a GRIGLIA, il woofer da 12" ed il grande woofer passivo da 15". Pressioni acustiche notevoli !

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 902
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

AR 10 Pi-Greco e AR 11

Messaggio Da ferro il Gio Apr 09, 2015 9:39 am

In questi giorni di ferie pasquali ho ascoltato un impianto tutto vintage composto da:
diffusori AR 10 PIGRECO e AR 11, collegati a giradischi Linn Sondek LP.12, CD Player Marantz CD 94, amplificazioni a valvole Radford STA-25.
Il proprietario, amante del suono AR, ha alternativamente sostituito i diffusori, prima AR 10 PI-GRECO (non suonavano affatto) e poi le AR 11, altro tonfo nell'acqua.
Una mezza delusione per quanto riguarda le casse AR.
Proprio un suono senza mordente e senza quella trasparenza a cui sono abituato con le mie Celestion Ditton 44.
Infatti il principale responsabile di questo suono opaco era dovuto alla presenza dei diffusori americani che fra l'altro non mi sono mai piaciuti.
Niente da eccepire sui Radford, pre e finale, con una potenza di una trentina di watt che avevo già ascoltato in ben altra configurazione e che mi aveva impressionato non poco. Anche sul resto dell'impianto, tanto di cappello ma sui diffusori...
Mi tengo ben strette le mie Ditton 44, un altro suono. Ciao.
avatar
ferro

Messaggi : 195
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Amadeus il Gio Apr 09, 2015 3:56 pm

Quoto quanto affermato circa le AR 10 Pi-Greco, suono scialbo privo di naturalezza.
E pensare che all'epoca erano quotati moltissimo, tutti gli appassionati stravedevano per questi diffusori, tranne il sottoscritto. L'accoppiata McIntosh + AR 10 era, secondo molti, il massimo. No No
Non avevano mai ascoltato un ottimo valvolare come Radford, Leak, Quad,ecc. collegati a diffusori veri.
In quanto alle AR 11 che dire, a me non piace il suono AR e anche questi speakers non fanno eccezzione. Forse solamente le AR 3 potrebbero dare qualche soddisfazione interfacciate però ad amplificazioni a tubi classiche ma in confronto alle casse inglesi serie non c'è storia.
avatar
Amadeus

Messaggi : 272
Data d'iscrizione : 28.08.14
Località : Emilia Romagna

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Paolo51 il Ven Apr 10, 2015 8:34 am

Amadeus ha scritto:Quoto quanto affermato circa le AR 10 Pi-Greco, suono scialbo privo di naturalezza.
E pensare che all'epoca erano quotati moltissimo, tutti gli appassionati stravedevano per questi diffusori, tranne il sottoscritto. L'accoppiata McIntosh + AR 10 era, secondo molti, il massimo.  No  No
Non avevano mai ascoltato un ottimo valvolare come Radford, Leak, Quad,ecc. collegati a diffusori veri.
In quanto alle AR 11 che dire, a me non piace il suono AR e anche questi speakers non fanno eccezzione. Forse solamente le AR 3 potrebbero dare qualche soddisfazione interfacciate però ad amplificazioni a tubi classiche ma in confronto alle casse inglesi serie non c'è storia.

Non sempre quello che costa di più è sinonimo di qualità. E' così in tutti i settori commerciali. Le AR 10 PI-GRECO costavano all'epoca molto, all'incirca come le Celestion Ditton 66, ma non avevano lo stesso suono.
In Italia, gli appassionati preferivano i marchi americani (SIC !!), abbagliati dal loro nome altisonante e così chi voleva spendere e pensava di avere il top dei top acquistava McIntosh, AR, JBL, ecc. La colpa di quell'andazzo era opera in parte delle riviste di settore ed in parte, direi di più, dei negozi di hi-fi che non conoscevano, non apprezzavano, erano obbligati dagli importatori ad avere in negozio apparecchi americani piuttosto che inglesi. Le Celestion, poi, rimane un fatto eclatante così come Wharfedale: gli italiani non conoscevano affatto questi marchi o comunque li conoscevano molto poco!!
Inoltre cosa pensare di QUAD o di RADFORD oppure di LEAK , marchi apprezzati solamente da chi veramente se ne intendeva...di musica, la massa degli appassionati italiani richiedeva solo quello che veniva "pompato" e loro propinato.
( Io all'epoca, nel 1975/1976, avevo creato insieme ad un gruppo di appassionati un club di ALTA FEDELTA' nelle sale del nostro negozio preferito di audio hi-fi e mentre tutti gli altri ascoltavano appunto AR, McIntosh a stato solido, SANSUI, PIONEER, JBL,ecc, io acquistai una coppia di Mc Intosh MC-60 a valvole che nessuno voleva ascoltare o comprare......perchè ritenuti obsoleti.....!!!)
Quando poi ci fu l'invasione ...barbarica...dei prodotti giapponesi con le loro accattivanti lucine e linee estetiche, allora fu un delirio collettivo.
Tornando alle AR 10 P.Greco e alle AR 11, posso dire di essere sostanzialmente in linea con quanto detto poco sopra, il loro suono era ed è oggi ancora poco emozionante.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 902
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da costino175 il Dom Apr 12, 2015 5:06 pm

Ho posseduto le 10 pigreco per 10 anni, dall'81 al 91 e concordo con quanto scritto, non ho ricordi entusiastici. Per me le vere AR sono le 3, le 3a e le Lst. Ora possiedo le 3a e le Celestion 44 e le alterno. La 3a male amplificata è un diffusore bolso e anonimo, ma con un buon finale vintage, anche poco potente, è in grado di dare grandi soddisfazioni. Già con il Cadet II si hanno ottima dinamica e soprattutto velocità e naturalezza.


costino175

Messaggi : 175
Data d'iscrizione : 27.05.14
Età : 65
Località : Loano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Paolo51 il Lun Apr 13, 2015 7:53 am

costino175 ha scritto:Ho posseduto le 10 pigreco per 10 anni, dall'81 al 91 e concordo con quanto scritto, non ho ricordi entusiastici. Per me le vere AR sono le 3, le 3a e le Lst. Ora possiedo le 3a e le Celestion 44 e le alterno. La 3a male amplificata è un diffusore bolso e anonimo, ma con un buon finale vintage, anche poco potente, è in grado di dare grandi soddisfazioni.  Già con il Cadet II si hanno ottima dinamica e soprattutto velocità e naturalezza.  


Grazie per la tua testimonianza che è utile per capire il discorso iniziato.
In quanto alle AR 3, 3a, è vero quello che dici perchè se male amplificate (e negli anni d'oro dell'hi-fi quando uscirono sul mercato erano veramente interfacciate con amplificazioni che non rendevano loro giustizia...) non riescono a creare quella riproduzione corposa e nitida di cui sono dotate.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 902
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Paolo51 il Gio Mag 07, 2015 10:01 am



CROFT Super Micro - preamp

Leak TL 12 Plus - finali mono

Eccellente combinata fra pre e finali monofonici. I due finali TL 12 Plus, veri gioielli di Casa Leak, sono in grado di spingere le possenti Wharfedale Airedale con i loro 12 watts massimi di targa. Ai due mono ho collegato il CROFT SUPER MICRO -1a Serie.
Interfacciamento vincente, sonorità eccellenti, musicalità infinita !! Queste sono prerogative di apparecchi vintage di altissima qualità, alla faccia................ di chi sostiene che il vintage hi-fi sia un gioco o peggio un'alternativa al primo impianto.
Signori miei, quì siamo veramente difronte ad un impianto per ascoltare musica VERA.

P.S. CROFT Super-Micro revisionato dal sottoscritto. Leak TL 12 Plus restaurati sempre dal sottoscritto con cura maniacale per ottenere il massimo da questi "capolavori" LEAK ! Gli apparecchi sono di proprietà dell'amico Adriano.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 902
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da ferro il Dom Mag 10, 2015 9:31 am

Paolo51 ha scritto:

CROFT Super Micro - preamp

Leak TL 12 Plus - finali mono

Eccellente combinata fra pre e finali monofonici. I due finali TL 12 Plus, veri gioielli di Casa Leak, sono in grado di spingere le possenti Wharfedale Airedale con i loro 12 watts massimi di targa. Ai due mono ho collegato il CROFT SUPER MICRO -1a Serie.
Interfacciamento vincente, sonorità eccellenti, musicalità infinita !! Queste sono prerogative di apparecchi vintage di altissima qualità, alla faccia................ di chi sostiene che il vintage hi-fi sia un gioco o peggio un'alternativa al primo impianto.
Signori miei, quì siamo veramente difronte ad un impianto per ascoltare musica VERA.

P.S. CROFT Super-Micro revisionato dal sottoscritto. Leak TL 12 Plus restaurati sempre dal sottoscritto con cura maniacale per ottenere il massimo da questi "capolavori" LEAK ! Gli apparecchi sono di proprietà dell'amico Adriano.

Bellissimi i Leak TL 12 Plus. Sono come i miei...esteticamente, poi il restauro non so. Di certo anche i miei TL 12 suonano molto bene.
Anche il pre Croft è veramente bello e minimalista; ho ascoltato la versione successiva colore nero e l'impressione è stata ottima. Ciao, Andrea
avatar
ferro

Messaggi : 195
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Amadeus il Lun Mag 11, 2015 9:50 am

Io possiedo il CROFT Micro, una delle prime versioni di Glenn Croft. Minimalista, solo 3 valvole, pochi componenti, interno pulito ed essenziale...ma suona veramente bene.
I pre Croft di fine anni ottanta e primi anni novanta, per mia esperienza personale, sono eccellenti.
Bene ha fatto P.Paolo ad inserire la foto con il Croft Super Micro in accoppiata con i TL 12 Plus per evidenziare l'ottimo interfacciamento fra i finali ed il pre.
Qualche domanda provocatoria (ogni tanto mi viene di farle...):
ma perchè su altri siti, "grandi...forum", blog non si parla MAI, per esempio di Croft? Oppure di LEAK? Come invece si fa quì dove si discute di pezzi veramente ed ottimamente suonanti e non di aria fritta?
Perchè non si discute MAI di interfacciamento fra i componenti, non solo vintage?
Forse non si conosce la materia hi-fi vintage a fondo e si parla solo dei soliti nomi. L'ignoranza impera!
avatar
Amadeus

Messaggi : 272
Data d'iscrizione : 28.08.14
Località : Emilia Romagna

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

AR

Messaggio Da costino175 il Lun Mag 11, 2015 12:46 pm

ferro ha scritto:In questi giorni di ferie pasquali ho ascoltato un impianto tutto vintage composto da:
diffusori AR 10 PIGRECO e AR 11, collegati a giradischi Linn Sondek LP.12, CD Player Marantz CD 94, amplificazioni a valvole Radford STA-25.
Il proprietario, amante del suono AR, ha alternativamente sostituito i diffusori, prima AR 10 PI-GRECO (non suonavano affatto) e poi le AR 11, altro tonfo nell'acqua.
Una mezza delusione per quanto riguarda le casse AR.
Proprio un suono senza mordente e senza quella trasparenza a cui sono abituato con le mie Celestion Ditton 44.
Infatti il principale responsabile di questo suono opaco era dovuto alla presenza dei diffusori americani che fra l'altro non mi sono mai piaciuti.
Niente da eccepire sui Radford, pre e finale, con una potenza di una trentina di watt che avevo già ascoltato in ben altra configurazione e che mi aveva impressionato non poco. Anche sul resto dell'impianto, tanto di cappello ma sui diffusori...
Mi tengo ben strette le mie Ditton 44, un altro suono. Ciao.
ù

Ciao
Capisco la delusione per l'ascolto dei diffusori AR, tuttavia da proprietario di una coppia di 3a vorrei consigliarti, se ti è possibile, di ascoltare una coppia di questi diffusori, meglio se amplificati con valvolari d'epoca, penso che ti ricrederesti. Come sai ho anch'io una coppia di 44 e nel gruppo di amici ascolto spesso AR 3, Tannoy Cheviot, III LZ e Lancaster corner 12, quindi penso di avere un metro di paragone attendibile. Sempre confrontando 3a e 44 trovo che su musica jazz, piccoli gruppi e voci entrambi i diffusori si comportano al meglio, a seconda dei gusti si può preferire l'una o l'altra, sulla classica, specialmente sulla sinfonica a mio avviso le 3a sono superiori. Queste ultime sono molto più difficili da interfacciare, ma se si trova l'accoppiata giusta i risultati sono veramente eccellenti. Inoltre per le AR bisogna essere certi della piena funzionalità degli altoparlanti (in particolare il tweeter ha un batuffolo di assorbente sotto la cupola, nel caso il materiale si deteriori finisce nella bobina mobile e degrada non poco il risultato) e dei controlli che vanno puliti e rimessi in piena efficienza. Nel mio caso i tweeter sono stati controllati e sono in perfetto stato.

costino175

Messaggi : 175
Data d'iscrizione : 27.05.14
Età : 65
Località : Loano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Paolo51 il Lun Mag 11, 2015 2:56 pm

Amadeus ha scritto:Io possiedo il CROFT Micro, una delle prime versioni di Glenn Croft. Minimalista, solo 3 valvole, pochi componenti, interno pulito ed essenziale...ma suona veramente bene.
I pre Croft di fine anni ottanta e primi anni novanta, per mia esperienza personale, sono eccellenti.
Bene ha fatto P.Paolo ad inserire la foto con il Croft Super Micro in accoppiata con i TL 12 Plus per evidenziare l'ottimo interfacciamento fra i finali ed il pre.
Qualche domanda provocatoria (ogni tanto mi viene di farle...):
ma perchè su altri siti, "grandi...forum", blog non si parla MAI, per esempio di Croft? Oppure di LEAK? Come invece si fa quì dove si discute di pezzi veramente ed ottimamente suonanti e non di aria fritta?
Perchè non si discute MAI di interfacciamento fra i componenti, non solo vintage?
Forse non si conosce la materia hi-fi vintage a fondo e si parla solo dei soliti nomi. L'ignoranza impera!

La risposta alle tue domande provocatorie è semplicissima (anche se ti sei già risposto da solo):
è ignoranza allo stato puro !!
Purtroppo nelle discussioni presenti in rete, quindi sui fora grandi e piccoli, sui blog, ecc., si parla sempre dei soliti nomi e riferendomi al vintage si discute di McIntosh, Marantz, JBL, Tannoy, Thorens, AR, e via andare.
Sono questi i brand che si conoscono di più e nell'immaginario collettivo sono questi che hanno fatto più presa. Ma non è così e come sostiene Amadeus, che quoto in toto, la non conoscenza per esempio di elettroniche LEAK è imperante.
Molti appassionati non hanno mai ascoltato i Leak TL 25 Plus, TL 50 Plus, i mitici Leak TL 12.1, molti conoscono lo STEREO 20 perchè oramai, a forza di decretarne le enormi potenzialità e qualità musicali (io stesso ne ho parlato e ne parlo da oltre tre decenni...nei miei articoli), si sono convinti che il finale risulta straordinario e capace di "sotterrare" la maggior parte di amplificatori blasonati, sia vintage che di attuale produzione.
Però non basta qualche ascolto di qualche "pezzo storico" fatto da pochi a dare un giudizio VERO sui componenti vintage di assoluta qualità. Occorre molta più conoscenza. 

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 902
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da ferro il Mar Mag 12, 2015 8:37 am

..........Ciao
Capisco la delusione per l'ascolto dei diffusori AR, tuttavia da proprietario di una coppia di 3a vorrei consigliarti, se ti è possibile, di ascoltare una coppia di questi diffusori, meglio se amplificati con valvolari d'epoca, penso che ti ricrederesti. Come sai ho anch'io una coppia di 44 e nel gruppo di amici ascolto spesso AR 3, Tannoy Cheviot, III LZ e Lancaster corner 12, quindi penso di avere un metro di paragone attendibile. Sempre confrontando 3a e 44 trovo che su musica jazz, piccoli gruppi e voci entrambi i diffusori si comportano al meglio, a seconda dei gusti si può preferire l'una o l'altra, sulla classica, specialmente sulla sinfonica a mio avviso le 3a sono superiori. Queste ultime sono molto più difficili da interfacciare, ma se si trova l'accoppiata giusta i risultati sono veramente eccellenti. Inoltre per le AR bisogna essere certi della piena funzionalità degli altoparlanti (in particolare il tweeter ha un batuffolo di assorbente sotto la cupola, nel caso il materiale si deteriori finisce nella bobina mobile e degrada non poco il risultato) e dei controlli che vanno puliti e rimessi in piena efficienza. Nel mio caso i tweeter sono stati controllati e sono in perfetto stato............


Devo dirti che i diffusori AR non mi hanno mai entusiasmato e ne ho ascoltati diversi negli ultimi due decenni. Io mi riferivo, nel mio post precedente, però alle AR 10 PI-GRECO e AR 11. Le AR 3 e 3a sono ottime casse diverse da quelle menzionate sopra. Sono le "più antiche" costruite bene, hanno fatto la Storia dell'AR ma preferisco di gran lunga diffusori inglesi. La magia di ascolto dei prodotti inglesi fatti bene è unica e irripetibile. Questo è il mio parere personale condiviso anche da molti appassionati. La persona che mi ha fatto ascoltare ultimamente il suo impianto con le AR, di cui lo ripeto faceva parte l'eccezzionale Radford sta-25, è molto appassionata di AR e credo che le sue casse fossero settate benissimo. Nonostante questo e nonostante la straordinarietà del Radford, niente da fare, il suono era tremendamente brutto. Ciao, Andrea.
avatar
ferro

Messaggi : 195
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da ferro il Ven Mag 15, 2015 4:23 pm

L'altra sera sono andato da amici appassionati di musica. Ultimamente mi capita di fare delle sessioni di ascolto, soprattutto con impianti vintage. Ebbene ho ascoltato i mitici valvolari McIntosh MC-60 in collegamento con casse elettrostatiche QUAD ESL 63, giradischi Garrard 301 e testina Shure V15 IV, lettore CDP Marantz CD 94 e preamplificatore McIntosh c-20.
Suono potente, grandi bassi e medi ma...niente da fare sulle frequenze medio-alte e altissime. Poca trasparenza e dettaglio. Non è che mancassero di qualcosa e non è che non ci fossero gli alti, il problema è che io ho il mio metro di ascolto con apparecchi inglesi, i Leak TL 12 Plus per l'appunto e se li paragono agli MC-60 non c'è storia. E' vero che i confronti bisognerebbe farli a casa propria nel proprio ambiente ma un'idea me la sono fatta comunque.
La raffinatezza, la trasparenza, la musicalità dei piccoli inglesi di casa Leak è notevole ed impressionante! Ciao. Andrea
avatar
ferro

Messaggi : 195
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Paolo51 il Sab Mag 16, 2015 10:17 am

ferro ha scritto:L'altra sera sono andato da amici appassionati di musica. Ultimamente mi capita di fare delle sessioni di ascolto, soprattutto con impianti vintage. Ebbene ho ascoltato i mitici valvolari McIntosh MC-60 in collegamento con casse elettrostatiche QUAD ESL 63, giradischi Garrard 301 e testina Shure V15 IV, lettore CDP Marantz CD 94 e preamplificatore McIntosh c-20.
Suono potente, grandi bassi e medi ma...niente da fare sulle frequenze medio-alte e altissime. Poca trasparenza e dettaglio. Non è che mancassero di qualcosa e non è che non ci fossero gli alti, il problema è che io ho il mio metro di ascolto con apparecchi inglesi, i Leak TL 12 Plus per l'appunto e se li paragono agli MC-60 non c'è storia. E' vero che i confronti bisognerebbe farli a casa propria nel proprio ambiente ma un'idea me la sono fatta comunque.
La raffinatezza, la trasparenza, la musicalità dei piccoli inglesi di casa Leak è notevole ed impressionante! Ciao. Andrea

Rispondo ad Andrea (ferro) perchè conosco bene gli apparecchi americani vintage (ne ho diversi) e dunque anche i McIntosh. La mia prima esperienza con i valvolari McIntosh fu a metà anni settanta quando acquistai una coppia di MC 60 con valvole KT88.
All'epoca non li voleva nessuno, gli appassionati di hi-fi erano abbagliati e rapiti dalle lucine-frontali in alluminio-VU-Meter GIAPPONESI e AMERICANI. Mi sentii dire: sei anacronistico, ascolti ancora con le valvole?

Peccato per loro che di lì ad un decennio o poco più le nostre care, vecchie e obsolete valvole ritornarono alla grande e spiazzarono TUTTI, dai guru, ai giornalisti di settore, dagli importatori ai costruttori di elettroniche. AMEN.

Ritornando ai Mc Intosh, posso affermare che quello che sostiene ferro sia verissimo: i valvolari Mc Intosh sono costruiti in modo eccellente, suonano molto bene ma non hanno quella VERVE e quella RAFFINATEZZA dei migliori apparecchi a tubi inglesi.
Nel tempo ho posseduto il Mc Intosh MC 225, amplificatore stereofonico di 25 watts di potenza ed una coppia di splendidi MC 30 che ho tuttora, i migliori e più ben suonanti dell'intera produzione Mc Intosh a valvole, secondo il sottoscritto.
Tuttavia, sarà per i complicati trasformatori bifilari di uscita, sarà per i tubi impiegati, sarà per il circuito troppo.... elaborato, i MAC non riescono ad avere una gamma medio-alta e altissima degna di quelli inglesi.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 902
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Amadeus il Lun Mag 18, 2015 3:38 pm

...............Peccato per loro che di lì ad un decennio o poco più le nostre care, vecchie e obsolete valvole ritornarono alla grande e spiazzarono TUTTI, dai guru, ai giornalisti di settore, dagli importatori ai costruttori di elettroniche. AMEN...............

..................Ritornando ai Mc Intosh, posso affermare che quello che sostiene ferro sia verissimo: i valvolari Mc Intosh sono costruiti in modo eccellente, suonano molto bene ma non hanno quella VERVE e quella RAFFINATEZZA dei migliori apparecchi a tubi inglesi.
Nel tempo ho posseduto il Mc Intosh MC 225, amplificatore stereofonico di 25 watts di potenza ed una coppia di splendidi MC 30 che ho tuttora, i migliori e più ben suonanti dell'intera produzione Mc Intosh a valvole, secondo il sottoscritto.
Tuttavia, sarà per i complicati trasformatori bifilari di uscita, sarà per i tubi impiegati, sarà per il circuito troppo.... elaborato, i MAC non riescono ad avere una gamma medio-alta e altissima degna di quelli inglesi.................

Quoto in pieno.
avatar
Amadeus

Messaggi : 272
Data d'iscrizione : 28.08.14
Località : Emilia Romagna

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Paolo51 il Lun Mag 18, 2015 4:20 pm



LEAK TL 25 Plus - Very Fantastic Sound !!

In azione la coppia di splendidi Leak TL 25 Plus del 1964.
I finali sono collegati alle Celestion Ditton 44 -1a Serie, 1972 - CDPlayer PHILIPS CD-104. Pilota gli amplificatori il Leak Varislope Stereo.
Suono e magia allo stato puro !

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 902
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Paolo51 il Mer Mag 20, 2015 4:42 pm








TECHNICS SB-7000
LEAK TL 12 PLUS
LINN SONDEK LP-12 -Testina DENON DL - 103


Fotografie inviatemi dall'amico Adriano appassionato di vintage ed ascolti molto.... fini.
Gli splendidi Leak TL 12 Plus (restaurati a dovere dal sottoscritto) hanno pilotato le imponenti Technics SB-7000. Il preamp era l'eccellente CROFT SUPER-MICRO e la sorgente lo splendido Linn Sondek.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 902
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Alessio il Ven Giu 05, 2015 3:16 pm

Paolo51 ha scritto:
Amadeus ha scritto:Leggo sovente di appassionati che sono alla ricerca, come secondo impianto, di apparecchi vintage che costino poco, molto poco. Come se tali apparecchi fossero un ripiego da sistemare nella camera da letto o in bagno. Certo che se si prendono in considerazione amplificatori Sansui, Pioneer o Technics e molta della produzione giapponese degli anni settanta o ottanta, allora capisco che il loro posto sia quello sopra citato. Ma per favore, lasciamo stare, il vintage serio non è quello a SS di quegli anni che con le prestaioni sonore aveva poco a che fare. Recentemente su di un forum c'è un appassionato che ascolta con il Sansui AU 8500 e chiede aiuto per il suo interfacciamento con buoni diffusori. E' tempo sprecato. Poi se si crede che spendere poco equivalga ad ottenere buone performance, allora pazienza. Un impianto vintage come si deve, con gli attributi veri non lo si mette in camera da letto o nello studiolo, lo si fa funzionare come primo impianto nel salotto buono perchè ha da dire ancora molte cose in fatto di eccellente riproduzione musicale.
Amadeus.

Anche perchè, seguendo il tuo ragionamento, non vedo proprio come si possa distinguere un impianto buono in base alla sua età. Se i vari pezzi che compongono la catena audio sono di ottima fattura e suonano bene, allora vuol dire che l'impianto è assemblato in modo eccellente, sia esso vintage che moderno. Esiste invece il radicato concetto che acquistare il VINTAGE sia acquistare apparecchi a poco prezzo, capaci di inserirsi come un 2° o 3° impianto (e quindi di valore modesto...) mentre acquistare il NUOVO debba essere "per forza" il non-plus-ultra, ossia la combinazione BUONA, da salotto appunto!
Certo che questo pensiero cozza con l'intelligenza ed è uno dei tanti PREGIUDIZI di cui il mondo audiofilo si nutre !!

I Pioneer e i Sansui della prima metà degli anni 70, non suonano per niente male, anzi!
avatar
Alessio

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 28.05.14
Età : 44

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Paolo51 il Ven Giu 05, 2015 4:22 pm

Agli inizi degli anni settanta, quando in Italia c'era il boom dell'hi-fi mentre in America o in Inghilterra avevano già conosciuto l'eccellenza degli apparecchi audio..., la maggior parte dei prodotti a stato solido importati dal Giappone o dagli USA era di media-scadente qualità.
Ne ho ascoltati (per fortuna mai posseduti) tanti, anche perchè potevamo fare moltissime prove a confronto avendo un CLUB ALTA FEDELTA' ubicato al piano superiore proprio nel più fornito e grande negozio di apparecchiature hi-fi della mia città.
In confronto, per esempio, alle elettroniche a tubi degli anni sessanta non c'era e non c'è Storia.
I vari Sansui, Pioneer, Yamaha (ti raccomando il CA-2010...), SCOTT, etc, perdevano in partenza. Ancora oggi perdono proprio del tutto!
Con questo non voglio fare l'assolutista ad oltranza (e per forza) ma per la mia esperienza era ed è così.

_________________
P.Paolo
avatar
Paolo51

Messaggi : 902
Data d'iscrizione : 10.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Alessio il Sab Giu 06, 2015 9:54 am

P.Paolo, sono perfettamente d'accordo col tuo pensiero: le elettroniche a tubi restano anche per me ai vertici dell'alta fedeltà ( soprattutto quelle inglesi '50-'60 ).
So bene come non sia pensabile fare un paragone in tal senso, si tratta di due mondi completamente differenti e lontanissimi tra loro, paragonarli sarebbe da stolti.
Volevo solo dire che, nel "calderone" delle elettroniche ( sansui e pioneer per esempio ), presenti sul mercato italiano fino alla prima metà degli anni '70, non tutto era da gettare senza pensarci, sono state costruite anche delle macchine "ben" suonanti ( senza voler fare nessun paragone ), magari appetibili per tutti coloro non abbiano o abbiano avuta la possibilità di acquistare per esempio un Leak Tl/12, i Marantz 7 e 8, il Garrard 301, le Tannoy Lancaster o York, oppure le Wharfedale Airedale ecc ecc.
Personalmente capisco la netta superiorità delle elettroniche a tubi, non per nulla possiedo i Leak TL/50 plus con i Varislope abbinati, come impianto principale, che non cambierei con quasi nulla di attuale; ma, pur nella loro mediocrità, alcune elettroniche di quel tipo sono macchine comunque "ben" suonanti che, ascoltate magari in un determinato contesto, non fanno inorridire.
Allo stesso modo ritengo pure alcuni giradischi Pioneer della prima metà dei '70 macchine "ben" costruite e "ben" suonanti.
Non volevo e non voglio fare nessun tipo di polemica, certamente sbaglio, ma è solo il mio pensiero. Surprised Very Happy
avatar
Alessio

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 28.05.14
Età : 44

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ascolti VINTAGE e DINTORNI

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum